Catanzaro News Le schede tecniche

Il Catanzaro ha il suo delantero: cosa aggiunge Federico Vazquez

Emanuele Mongiardo
Scritto da Emanuele Mongiardo

La questione attaccante ormai è un classico del mercato del Catanzaro. Il nome nuovo di quest’estate è Federico Vazquez, giunto dalla Virtus Francavilla. L’argentino ha toccato il picco durante la stagione 2019/20, quando ha segnato dieci gol in ventisette partite di campionato, mentre lo scorso anno ne ha firmati solo cinque, complice la brutta stagione dei pugliesi. Insomma, non proprio i numeri di Haaland, ma il Catanzaro di Calabro è una squadra capace di distribuire bene i gol. Vazquez allora rappresenta un acquisto funzionale, che potrebbe garantire alcune varianti fino ad ora inesplorate.

Va detto che Trocini è un allenatore con principi offensivi simili a quelli di Calabro, per cui le ricezioni di spalle e i movimenti a elastico con l’altra punta (una incontro, l’altra in profondità, con l’alternativa del velo) non saranno una novità per lui. Vazquez però, rispetto allo spartito, porta più dimestichezza col pallone. Si tratta di un giocatore autosufficiente, capace di tenere il possesso senza dover necessariamente giocare a due tocchi, caratteristica inedita rispetto alle punte giallorosse della scorsa stagione.

Vazquez, anche isolato, ama caricare le difese. Da buon attaccante argentino adora ingannare i centrali con rapide sterzate, che spesso si traducono in un tiro dalla media distanza. Il destro, piede naturale, è potente, ma non si fa problemi a calciare anche con il sinistro.

Federico Vazquez per Calabro
Al soilto, sarà interessante vedere come le sue peculiarità influiranno sul contesto. Se dovesse agire da seconda punta al fianco di Curiale, ad esempio, consentirebbe a Carlini di abbassarsi di qualche metro e aumentare il volume dei palloni giocati, con ricadute positive sulla circolazione palla, meno farraginosa col trequartista di Terracina. Chissà che però Calabro, a sorpresa, non lo accompagni direttamente con Carlini e Vandeputte, senza usare una punta di fisico. Vazquez conta appena un metro e ottanta d’altezza – anche se le spalle sono abbastanza larghe da sostenere il corpo a corpo –  ma contro squadre dal baricentro basso un attacco di questo tipo offrirebbe pochi riferimenti e permetterebbe di assediare l’area con più creatività.

In definitiva, se è vero che il Catanzaro è arrivato secondo per la sua coesione, nobilitata dai piedi di Carlini, Federico Vazquez rappresenta un acquisto coerente.

Emanuele Mongiardo

Autore

Emanuele Mongiardo

Emanuele Mongiardo

3 Commenti

Scrivi un commento