Catanzaro News La Striscia

Il derby di Reggio Calabria come prova di maturità

Allenamento domani a Giovino nel pomeriggio a porte aperte a cui farà seguito quello di giovedì ma a porte chiuse

È cominciata una settimana di lavoro molto importante per il Catanzaro di mister Auteri. Le aquile, dopo la buona prova contro il Francavilla, cercano ulteriori conferme di crescita. Probabilmente non c’è partita migliore del derby per capire se la strada intrapresa è quella giusta. Sabato sera, al “Granillo” Maita e compagni sono attesi da una vera e propria prova di maturità in casa di una compagine, come la Reggina, che ha gli stessi obiettivi dei giallorossi ed in casa ha sin qui vinto tutti e quattro gli incontri con squadre di medio-basso livello come Cavese, Bisceglie e Vibonese ed infine, ha avuto la meglio di una formazione importante come il Catania.

Il “Granillo”, poi, sarà il palcoscenico di un incontro che meriterebbe di essere giocato in ben altre categorie, considerando, anche, lo spettacolo ed il calore che ci saranno sugli spalti.

Ambiente, squadra da affrontare forte ed ancora imbattuta, derby. Ci sono, insomma, tutti gli ingredienti e gli elementi per parlare di prova di maturità. Se dopo la partita contro il Rieti mister Auteri aveva chiesto più cattiveria e ferocia, nel post Virtus Francavilla, il tecnico ha affermato di aver visto dei positivi passi in avanti. Difendere con agonismo e cattiveria in avanti dovranno essere confermati in un match nel quale le aquile dovranno saper soffrire, ma anche fare male.

D’altra parte i giallorossi si troveranno di fronte ad una Reggina che non ha dimenticato il 3-4 dello scorso campionato con il primo tempo terminato 0-4 e con una rimonta clamorosa che si stava per compiere nella ripresa.

ALLENAMENTO

La settimana è un pò inedita con il match previsto per sabato sera alle 20:45. Oggi i giallorossi si sono ritrovati al “Gullì” di Giovino per una sessione di allenamento nel pomeriggio a porte aperte. Mister Auteri ha messo sotto torchio i suoi specialmente dal punto di vista atletico come ad ogni ripresa. Al lavoro fisico la squadra – che si era allenata già ieri mattina – hanno fatto seguito esercitazioni con la palla.

Ad Urso indisponibile si è aggiunto Carlo De Risio. Il 19 delle aquile è uscito al 25′ della partita contro la Virtus Francavilla per il riacutizzarsi del problema avvertito durante il riscaldamento del match con la Viterbese. A Reggio Calabria si candida seriamente Casoli come compagno di reparto di capitan Maita.

Per stare vicino alla squadra, al “Gullì” c’erano il presidente Noto ed il ds Logiudice.

La preparazione proseguirà domani, sempre alle 15:30 ed a Giovino ed aperta al pubblico, cui farà seguito la sessione di giovedì allo stesso orario, ma a porte chiuse, in attesa della rifinitura di venerdì.

TESSERA DEL TIFOSO

L’Osservatorio per Manifestazioni Sportive ha ieri suggerito delle misure che verranno discusse domani in sede di Gos per match del “Granillo” tra cui la vendita dei biglieti ai sostenitori ospiti riservata ai residenti della provincia in possesso della tessera del tifoso.  Proprio per questo la società giallorossa si è già messa a lavoro ed informa che sarà possibile ritirare o sottoscrivere la tessera del tifoso (al costo di 6 euro) nelle giornate di mercoledì 9 ottobre e giovedì 10 ottobre, presso il botteghino dello Stadio Ceravolo, che resterà aperto dalle ore 15 alle ore 18.
Si ricorda inoltre che bisognerà presentarsi muniti di carta d’identità e codice fiscale.

STUDENTI PRESENTI AL “CERAVOLO” CON IL FRANCAVILLA: IL GRAZIE DI NOTO

“La presenza sugli spalti – domenica scorsa – degli alunni di alcuni istituti scolastici della città ha rappresentato un bellissimo momento di festa, interpretando al meglio lo spirito che deve caratterizzare ogni evento sportivo”. Lo sostiene, in un comunicato, il presidente dell’US Catanzaro, Floriano Noto. “Sin dal mio insediamento – prosegue il presidente – abbiamo deciso di coinvolgere le scolaresche del capoluogo e della sua provincia per avvicinare le nuove generazioni alla passione per le Aquile. Il progetto “Il Catanzaro sale in cattedra” va in questa direzione ma anche in quella di far riflettere i ragazzi su temi di grande attualità, portando nelle scuole, come testimonial, i nostri atleti.

Ringrazio, per questo, tutti coloro che, per conto della società, conducono questa iniziativa ma, ancor di più, ringrazio i dirigenti scolastici, i docenti e i loro alunni per l’apporto che danno alla squadra, partecipando con gioia alle gare casalinghe dei giallorossi.

Contro il Francavilla la coreografia inscenata dagli studenti dell’ITTS “Scalfaro”, supportati dagli alunni dell’IC Pascoli – Aldisio, ha colorato il settore della Tribuna “Est”, regalando emozioni a tutto il pubblico e ai giocatori scesi in campo. Grazie ancora ragazzi – conclude il presidente – per il vostro coinvolgimento e per la capacità di regalare entusiasmo a tutto il “Ceravolo”.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

11 Commenti

  • Una breve riflessione. Il Catanzaro in notturna ha quasi sempre sofferto e perso (forse a quell’ora i giallorosso, generalmente, dormono.
    Allora perché non fare l’allenamento di giovedì in notturna?
    Per favore, non perdiamo questa partita, per favore ve lo chiedo!!!
    Carichiamoli e scarichiamoli

  • questa sara’una partita con un coefficente altissimo di rischio sconfitta ,perche la reggina e’uno squadrone ,noi non siamo da meno perciò c e la giochiamo ,,,,,l’unica cosa che non dovrà mancare e’ l’atteggiamento giusto al match ,,non bisogna pensare di essere piu forti altrimenti prendiamo solo schiaffi nei denti ,,,,bisogna entrare in campo consapevoli che difronte avremo una trigre inferocita ,e non bisogna volare bassi altrimenti ci sbrana ma volare veloci e altissimi come solo un aquila reale sa fare ,,,,QUESTO PER RISPONDERE A QUALCUNO DI VAVE TRA CATANZARO REGGIO E CATANIA NE SENTO PARECCHIE ,GLI UNICI CHE NON STANNO FACENDO VAVE E INFATTI MI FANNO LETTERALMENTE PAURA SONO ,,,TERNANI E POTENTINI

  • La Reggina ci arriva leggermente meglio al big match, sembra più solida, più arcigna, meno in balia degli eventi . Noi viviamo di folate , fuori casa facciamo fatica e nn abbiamo ancora trovato una quadra difensiva , peraltro nn avremo DeRisio che x grinta e mordente soprattutto quando le cose si mettono male è quasi sempre il migliore x distacco ! Ma la palla è rotonda , è un derby può succedere di tutto … vincere nn varrà solo 3 punti, ma un iniezione di fiducia importante a chi la otterrà , di contro perdere sarà una brutta botta a livello morale ! Perdere purtroppo ci sta , la Reggina è forte , ciò ke nn ci deve stare è la mancanza di cattiveria , la voglia di combattere su ogni pallone , dare il sangue per il compagno , noi siamo il Catanzaro e voi nn sarete mai soli , siamo sempre con voi , Reggio arriviamo !

  • intanto il settore ospite del granillo e’un pezzo di pollaio dove la capienza non supera i 1200 posti infatti il numero di tagliandi destinati a noi e questo ,anche se saremo qualcosa in meno come lo scorso anno 600/700 ,al ritorno possono essere anche in 5000 ,le partite non le vinci con il numero di spettatori altrimenti il catania sarebbe in champion ,,,e ricordo una est stracolma di cosentini un anno con la possibilita’ di lanciarsi verso la serie A e noi con la merda al culo per non retrocedere ,,,fini 3.0 palanca palanca palanca,,,e poi caro mio ti rammento una cosa : lo scorso anno in trasferta eravate in 10 perche la reggio ultra’ non si tessera ,,,per cui se anche al ritorno come per l’andata ci volesse la tessera ,per coerenza mi aspetto 20 persone altrimenti se saranno 3000 come sostieni vuol dire anche voi come tutti appena le cose girano bene dimenticate i vostri ideali ,,,,

Lascia un commento