Intervistiamo

Il presidente Noto: «Ci aspettavamo di più dai tifosi. Bianchimano profilo interessante»

Il presidente Noto ha incontrato la stampa per un bilancio sulla prima parte della stagione. Stagione esaltante ma pochi tifosi allo stadio, qualche svista arbitrale di troppo, mercato e finanziamenti venuti meno.

Il presidente Noto ha incontrato la stampa per un bilancio sulla prima parte della stagione.

<<E’ stata una stagione che ci ha visto protagonisti sotto vari aspetti sin dall’inizio. Mister Auteri è un tecnico molto ambito. Abbiamo lavorato da subito sul suo contratto. Abbiamo impostato delle basi di medio-lungo termine con un 2+2 che fa quattro anni di contratto. Accanto a lui c’è il direttore Logiudice. Anche lui è una persona con la quale la società si trova in armonia.

Si è avviata la campagna acquisti estiva con i soliti personaggi che collocano calciatori. La squadra era completamente da rifare. Tranne Infantino e Maita gli altri sono stati tutti contratti rifatti. Anche Riggio e Nicoletti sono passati con noi mentre prima erano proprietà del Crotone. Ci stanno dando grandi soddisfazioni. L’impegno da parte della società è stato notevole. Tutto da fare con una certa velocità. I tempi dei procuratori non sono sempre quelle dei club. Personalmente fare durare il mercato non più di dieci giorni. Per gli addetti ai lavori serve ben poco. I giocatori che si vogliono si sanno da subito. Abbiamo avuto un ritardo per il dilatarsi del calciomercato che è stato prorogato. Siamo partiti con una certa incredulità da parte di giornalisti e tifosi perché molti calciatori non si conoscevano. Un esempio è Celiento. Come ben vedete i giocatori vanno conosciuti. Molte volte i giornalisti vanno a sensazioni. Io non ho ricevuto una telefonata di conferma di trattative. Si creano solo destabilizzazioni nei tifosi.

Della stagione possiamo essere felici sin qui. Siamo forse la squadra con il miglior gioco della Serie C. Se ragiono in termini societari abbiamo molti giovani interessanti con interessamento da molti club di serie superiore. Abbiamo avuto problemi di ritiro. Volevamo stare in zona ma non c’erano strutture calabresi adeguate. L’85% del fatturato da sponsorizzazione viene da fuori Regione. Sono venuti meno dei finanziamenti. Se il Catanzaro deve essere del Gruppo Noto ne prendiamo atto. L’impegno preso dall’amministrazione comunale era di 600mila euro l’anno per tre anni. L’anno scorso sono arrivati 350 mila euro e quest’anno 120 mila euro. Sono cifre che mancano importanti. In momenti di crisi anche i gruppi come il nostro ne risentono. Avremmo gradito un aiuto di tutta la città. Bisogna prendere atto di questa situazione.

Abbiamo avuto dei problemi legati all’avvio del campionato con i ripescaggi che ci hanno portato a modifiche in termini di preparazione atletica. La cosa brutta è che non si sapeva quando si iniziava. Siamo partiti con un grosso handicap e si rischia di giocare ogni tre giorni. Diventa un tour de force per tutti. Ho fatto di tutto per evitare tutto questo. L’assurdità è che i giocatori sono partiti il giorno di Natale per Trapani. Tutto fuori da ogni logica.

Con il presidente del Potenza ci siamo battuti affinché gli arbitri avessero gli auricolari. Il campionato sin qui è esaltante. Esprimiamo un gioco frizzante. C’è la mano dell’allenatore. Siamo a 34 punti con una partita in meno. C’è anche qualche rammarico per partite dove potevamo raccogliere di più per sviste arbitrali. Gli arbitri sbagliano così come Kanoute ha sbagliato il rigore a Trapani. Ci auguriamo di continuare con questo trend e migliorare. Ci aspettavamo dei tifosi in più. avere 6000 mila o 7000 spettatori conta molto sia in termini di ripescaggio che per i calciatori stessi. Il classico dodicesimo uomo in più. Non riesco a capire le dinamiche del perché accade. Pur ringraziando i 3500 darebbe un aiuto ai giocatori essere di più. Si è visto lo stadio del Potenza. Con il Siracusa pensavo che tra periodo natalizio, studenti che tornano si raggiungessero i 6500 spettatori. È chiaro che anche in questo la nostra società prenderà atto di questa situazione. Inutile che si fa battaglia per 15mila spettatori. Vuol dire costi maggiori. Se la città risponde così rimoduleremo la situazione. Dispiace per quanto accaduto agli ultras. Abbiamo una serie di problemi di strutture per quanto riguarda il settore giovanile. Il campo del “Ceravolo” era un fiore all’occhiello. Con l’avvento della Palazzina ha creato varie problematiche. Purtroppo credo che le vie siano due. La prima non è praticabile ed è demolire la Palazzina. È una battuta provocatoria. Persino le ore del sole che il campo prende sono minori. Quest’anno ha cominciato a piovere prima del tempo. La nostra è una squadra altamente tecnica e preferisce giocare su un calcio fluido. In un campo sintetico come a Potenza si è vista la reattività dei calciatori. Quello dovrebbe essere il modello. L’alternativa è di compiere un investimento ed invito pubblicamente il sindaco per un sintetico purtroppo. La terza via è costruire una stadio ex novo ma questo si potrà pensare in altre serie. Altrimenti soffriremo tantissimo specie sulla fascia dei distinti. Con 600 mila euro si fanno i lavori ed invito a prenderle immediatamente le decisioni.

Tra le cose belle sono iniziati i 90 anni ed abbiamo voluto accelerare per dare una presenza marketing con la maglia celebrativa. Tutti i nominativi sono stati forniti da Carlo Talarico e lo ringrazio. Credo sia stata molto elegante.

Abbiamo fatto una cena con i calciatori e ho detto loro che sono contento di questo primo semestre>>.

 LA SESSIONE INVERNALE DI MERCATO

<<Intervenire nel mercato di gennaio è difficile specie per le squadre di vertice. Partiamo dal presupposto che i calciatori sono validi. Ho detto loro che non li cambierei con nessuno del Trapani dopo la sfida con i siciliani. Non è facile trovare sostituti che si vada inserire nel nostro gruppo. Il calciatore vive in un gruppo e se non ha testa, anche se forte tecnicamente lo rigetta. Si creano malumori. Il mister ha chiesto un’alternativa al suo modulo di gioco in corso d’opera. Non ha fatto nomi. Di Piazza ha contattato il nostro direttore sportivo. È intervenuto il Catania e vuole andare lì. È un giocatore che ha le sue qualità ma al momento per il nostro organico non è funzionale. Lo avevamo cercato noi ad inizio stagione. Lo apprezziamo. La società spesso lavora sotto traccia. Bisogna dare notizie cercando di dare meno danno possibile alla società. Noi non abbiamo in uscita nessuno. Sono tutti funzionali. Su Infantino c’è da dire una cosa. Per noi è una punta valida. Rispetto al modulo di Auteri si inserisce poco. Si sta guardando attorno perché da parte nostra non sarà rinnovato il contratto in scadenza. È l’unico che è in questa situazione. Giannone non è in uscita. Bianchimano è quel profilo che può essere interessante per completare ma non sostituire. Il ragazzo sta in Serie B e sta giocando poco. Le valutazioni le farà il Perugia>>.

 IL CAMPIONATO

<<La Juve Stabia ha fatto un campionato che nessuno ha compiuto. Risulta imbattuta. Noi confidiamo è che nel girone di ritorno abbassino il ritmo. È normale che speriamo in po’ di fortuna. La promozione è aperta. Noi, il Trapani, il Catania saremo lì>>.

 MATERA

<<La situazione del Matera è stata rimarcata più volte. Non solo i lucani stanno vivendo questa situazione. A noi interessa solo quanto sta accadendo a loro e non è bello. Nemmeno far giocare la Berretti è stata una situazione tampone. Bisogna far giocare calciatori contrattualizzati essendo una serie professionista mentre i ragazzi scesi in campo non lo sono. La Serie C è sempre a perdere>>.

 Il presidente ha affermato in chiare linee: <<Il Catanzaro non si discute, si ama>>.

 

 

 

 

 

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

49 Commenti

  • È triste ma purtroppo Noto comincia a dire le cose che ad un certo punto diceva Cosentino, il Catanzaro è solo, prima almeno c’era il pubblico adesso neanche quello, nonostante il miglior gioco della C lo stadio è abbastanza vuoto.
    L’amministrazione comunale come sempre non ha mantenuto le promesse, confermando ciò che sosteneva Cosentino.
    Purtroppo senza soldi non si canta messa e Noto con le risorse che ha a disposizione sta facendo miracoli.
    A questo punto è meglio non disperdere le risorse e prendere solo un buon centravanti al posto di infantino e un giovane centrocampista dalla D.
    Noto almeno attiva la vendita on-line dei gadget in modo che anche noi da lontano possiamo dare un piccolo aiuto.

  • Purtroppo il pubblico e stato una delusione…stranamente in lo scorso campionato in alcune partite c’era più gente…
    Sicuramente stare x troppo tempo nell’oblio della terza serie e il cambio generazionale a influito a portare sempre meno gente allo stadio…
    D’altronde la società cosa deve fare x svegliare e accendere il nostro tifo?

    • L’anno scorso aveva messo la curva a 9€, quest’anno ha stranamente alzato i prezzi, nonostante non sei né salito ne hai fatto un bel campionato

  • Ci vuole lo stadio nuovo da subito!!,se vogliomo più gente allo stadio,una struttura moderna facile ad arrivarci …posteggi,trasporti adeguati,pagamento dei biglietti online…ogni comfort,la gente deve essere “invogliata”.
    Lo stadio di via Paglia non è più buono si continua a spendere soldi inutili vedi la palazzina che mi sembra il Titanic nel deserto.

  • Il Presidente cita una serie di dati di fatto: mancati contributi da parte dell’amministrazione, scarse sponsorizzazioni di aziende regionali, presenza allo stadio dei tifosi non eccezionale. La sostanza del discorso è chiara: chi sostiene veramente il Catanzaro? Chi crede concretamente nel progetto? Pensare che un gruppo imprenditoriale, per quanto solido come quello della famiglia Noto, possa lavorare a oltranza in quasi completa solitudine e a fondo perduto è ingenuo. E forse sarebbe anche ingiusto chiederlo. Comprendo quindi le perplessità del Presidente ma penso che, almeno la tifoseria, risponderà all’appello nel girone di ritorno. D’altra parte ci sia augura che dalle casse dell’amministrazione arrivi a breve almeno un’altra tranche dei denari promessi. L’erba sintetica, considerati i costi, resterà un’ipotesi.

  • Una delle amarezze di Cosentino fu la presa in giro social dei tifosi prima dell’arrivo del grande Kamara : 1.000 abbonamenti in più, no di più 5.000 abbonamenti in più, mentre a conti fatti se ne sono registrati 300 in meno rispetto alla stagione precedente, da lì i primi malumori e poi il famoso sfogo ^sono delle femminucce^ in campo …… Tutti a dire ^siamo tifosi unici^, ^come noi nessuno^, ^sempre presenti^ ma poi se si vedono i numeri siamo la metà della capienza dello stadio. …! E se non si va allo stadio quando si gioca così alla grande quando mai si andrà?

  • Non pensate che la televisione abbia fatto il resto?che abbia impigrito anche il tifoso?…fa freddo con 2,90€ mi vedo la partita sul divano al calduccio.
    Ecco perché ci vuole lo stadio nuovo da subito.
    Moderno con vari intrattenimenti e iniziative collegate con il calcio.

  • Il catanzaro è come la juve..ha molti tifosi sparsi per l Italia..e il mondo.con le dovute proporzioni. Sarei curioso di sapere in quanti siamo abbonati su sport eleven…

  • Mi dispiace che il residente Noto inizi a parlare di delusione dei tifosi. Da grande esperto di vita, sociale, imprenditoriale, marketing, ecc. ecc. dovrebbe INTUIRE che non è parlando così che si ottengono dei miglioramenti nelle presenze. Tutti gli amici tifosi che hanno postato commenti hanno detto cose giuste e accettabili. Io dico che siamo in ogni caso, stagione attuale 2018/19 girone C, al terzo posto come media affluenza dopo il Catania, città più popolosa, e il sorprendente Potenza, entusiasmo per la salita tra i professionisti?? Per cui non siamo ultimi. Altri cose tengono un pò lontana la gente dallo stadio: una struttura che fa schifo con quei pilastri nelle tribune coperte che ci fanno fare i rally per trovare un posto decente per vedere almeno il 70% del campo, l’avvento di “eleven sport” che consente di vedere comodamente a casa la partita, soprattutto per gente non più tanto giovane che con acciacchi vari non può permettersi d’inverno di andare allo stadio alle 20.30 di sera, tra l’altro!!! Ma le società non ricevono una contropartita economica per i diritti TV?? Servizi allo stadio assenti, quest’anno geniale idea di chiudere in pratica la Tribuna Est; anche se hai il posto numerato devi andare ALMENO un’ora prima per trovare un misero parcheggio, se lo trovi poi non è detto!!! E qua si entra nelle inadempienze degli amministratori locali, che già lasciano in completo degrado la città, figurati se pensano al Catanzaro e ai parcheggi organizzati allo stadio o a navette per poterlo raggiungere, figuriamoci. Cambieranno anche loro alla prossima, tranquilli. Ma il Presidente queste cose le sapeva da sempre. Per cui caro Presidente le chiediamo umilmente di avere un pò di pazienza come l’abbiamo avuta noi tifosi negli ultimi 10-15 anni, vedrà che la gente tornerà allo stadio, ma di certo non con gli introiti dei biglietti risolverà i conti economici. Per squadre di provincia, soprattutto in zone economiche povere come la nostra, i soldi entrano con l’equazione: trovare giovani promettenti, valorizzarli, rivenderli al doppio o al triplo di quanto pagati e ricominciare. Come faceva la buon’anima del Presidentissimo e non mi dica che i tempi sono cambiati.

    • 👏👏👏👏 BRAVO bellissimo questo commento, aggingerei che all’inizio dell’anno il Catanzaro era tra le prime tre della C come presenze, poi sono arrivate le sconfitte che hanno raffreddato gli entusiasmi, ora il Catanzaro gioca benissimo speriamo che i tifosi tornino allo stadio, magari un centroavanti famoso servirebbe anche per questo scopo.

      • Sicuramente Noto è partito con tutte le buone intenzioni e i contratti triennali ne sono la prova, però spero che non succeda come nel passato dove non siamo riusciti a guadagnare dai migliori giocatori, penso a Rigione, Mancuso, Icardi, ecc

  • Immutate la stima e la fiducia verso il presidente e la dirigenza; fiduciosi in un grande prosieguo del campionato da parte dei ragazzi di Auteri (autentico mago della serie C).
    Tutto ciò premesso, da incorniciare l’analisi di Corner53, alla quale non c’è nulla da aggiungere.

  • Comunque anche a me piacerebbe conoscere i dati di eleven, perché anche se dessero solo 10 € ad abbonato, 30.000 abbonamenti comprirebbero abbondantemente le assenze allo stadio.
    Mi fa rabbia per quello schifo di palazzina, se avessero speso gli oltre 5 milioni di euro diversamente il Ceravolo sarebbe ora un buono stadio.

  • Caro noto se vuoi 6/7.000 spettatori abbassa i prezzi e incentiva la vendita on line (non si può fare 40 min di fila soprattutto per chi si fa 1 ora di macchina) vedi di svegliarti

    • Perché ti rivolgi con questo tono irrispettoso al nostro Presidente? Non mi pare abbia mai dormito e se siamo forti e belli da vedere il merito è suo! Comunque la vendita online è attiva, ora mi aspetto molta più gente allo stadio.

    • …… e poi andrà in dissesto finanziario. Ma tanto con la dirigenza della lega calcio si gioca anche se non paghi gli stipendi ai calciatori. Vedi Matera.

  • Nicola Strambelli sarà un nuovo giocatore della Reggina. Secondo quanto riportano i colleghi di TMW, il club amaranto ha battuto la concorrenza per l’attaccante classe ’88, attualmente al Potenza. Trattativa ai dettagli che potrebbe definirsi già nelle prossime ore.

  • Comunque la maledizione del centroavanti, quando dobbiamo acquistarlo succede sempre qualcosa che lo impedisce, eppure ci sarebbero tutte le condizioni, perché possiamo concentrare tutte le risorse disponibili sul suo acquisto, inoltre la dipartita di infantino libera un po’ di risorse, è vero che il mercato è ancora lungo ma i migliori vanno via subito

  • Ho sentito fare il nome di Davide Lorusso.Questo e un ragazzo molto interessante.Spero chi viene da quest parti?La squadra sta andando molto bene e chi vuole un po di calma.Abbiammo un Mister di grande capacita e giocatore Che lottano ogni Domenica per questi grande colori,cost chi non si sono visti nel passatto.Uno apello per favore.Con questa bella squadra vorrei vedere almeno 10,000 tifoso questo domenica al ceravolo.Purtroppo io abito a Canada e segui li partite su Eleven.si fosso a CZ non mancarebe nemenno un secondo di partita.Un grande abbraccio a tutti voi grande tifosi e Sempre Forza Aquile

  • da tuttomercatoweb: Andrea Bianchimano, attualmente in forza al Perugia, è finito nel mirino di diversi club della terza serie: da Reggina, a Catanzaro, Sambenedettese fino all’Arezzo. Si è inserita anche una quinta squadra sul giocatore: si tratta del Catania, che ha chiesto informazioni sull’attaccante 22enne (5 presenze in Serie B). Lo riporta gianlucadimarzio.com.

  • 30 anni di serie c2 e 30 anni di continue delusioni avrebbero spento l’entusiasmo di qualsiasi piazza. La missione del Presidente del Catanzaro è quella di riaccendere l’entusiasmo e l’entusiasmo si riaccende a suon di vittorie. Ottimo il lavoro fino a qui svolto ma l’importante ora e’ non arrendersi. I 30 mila di un tempo non erano di Catanzaro. I 30 mila arrivavano da tutta la provincia e da tutta la regione. Bisogna lavorare puntando sempre alla vittoria. Serve lo stadio lontano dalla città e se non è possibile almeno un parcheggio.

  • Continuate con il discorso stadio nuovo…mi sa che il discorso del Presidente non è stato colto alla perfezione. La serie C è un campionato economicamente a PERDERE….per pensare a uno stadio nuovo occorre di certo essere nelle serie superiori…inoltre se già oggi si fa fatica a raggiungere le 5000 presenze (che ricordo persino in C2 non essere certo un tabù a Catanzaro) che senso ha programmare uno stadio da 15-25 mila posti? Nell’ultima serie B , anzi nelle ultime 2 stagioni di serie B per quanto tragiche ricordo numeri simili. Forse le prime giornate a 7000 ci siamo arrivati poi…di nuovo il nulla. Se dovessimo salire come spero…succederà la stessa cosa…Se si vince alla grande allora i “vermituri” comincianu ma nescianu fora…altrimenti tutti in letargo a criticare dalla poltrona un’ottima società

    • Scusa sax ma molti come me pensano allo stadio “eventualmente” nuovo non per la capienza ma per eliminare le grandi deficienze attuali che impediscono di vivere una giornata tranquilla allo stadio. Cioè poter raggiungerlo in modo facile, trovare parcheggio o meglio ancora avere navette che ti portano senza problemi, vedere da tutti i settori il campo intero senza pilastri d’avanti, ecc.

  • Volevamo una squadra competitiva e L abbiamo avuta!!!!esprimiamo il miglior gioco della serie C !!! E il presidente ha ragione su tutto!!! Un euro in più o uno in meno non cambia una mazza su un biglietto e sulle tasche di un tifoso perciò non troviamo scuse inutili per dare la colpa alla società !!! Perfavore venite allo stadio che nemmeno la curva riempiamo e questo è davvero vergognoso!!! Qualcuno Si riempie la bocca di essere un tifoso o di criticare la società e non viene allo stadio da anni!!! Io faccio 140 chilometri (andata e ritorno) per vedere la partita più il costo del biglietto!!! E gente che abita dietro lo stadio si lamenta di 10 euro di biglietto!!! Noi della provincia non facciamo chiacchiere inutili Noi tifiamo Catanzaro e la domenica guardiamo alo stadio il Catanzaro !!! Perciò perfavore quest anno non c’è da lamentarsi ma solo da aiutare la società e questi ragazzi !! La squadra c’è e gli altri crolleranno!!! NON CI SONO SCUSE QUEST ANNO E VENITE ALLO STADIO!!! E il Catanzaro si AMA non si critica!!! E il biglietto si paga !!!

    • Forse non hai letto con molta attenzione. La maggior parte degli interventi, quasi tutti, non criticano la Società, anzi la lodano TUTTI, dichiarando apertamente un sentito grazie al Presidente e alla squadra davvero GRANDE. Le critiche riguardano le strutture e infastrutture che non consentono un ADEGUATO aumento del flusso degli spettatori, e su questo la Società del Catanzaro NON HA COLPE, bensi le amministrazioni locali. Domenica saremo tutti, spero, allo stadio.

Lascia un commento