La Striscia

Invertire il trend stagionale con il Trapani per il terzo posto

Fischnaller

Tensione in casa siciliana per il mancato pagamento degli stipendi di marzo. Prorogata la promozione per i supporters giallorossi.

Archiviato – finalmente – il recupero con la Viterbese (junior) con il Catanzaro tornato al successo, le aquile devono già pensare a preparare l’ultimo impegno della regular season. La vittoria ai danni dei gialloblu è servita ad agganciare il terzo posto e bisognerà dar seguito cercando di ottenere i 3 punti anche domenica. Al “Ceravolo” arriverà il Trapani già secondo matematicamente. La domanda è quasi d’obbligo. I siciliani giungeranno in Calabria per ottenere un risultato utile oppure con il pensiero di non incorrere in infortuni e preservandosi per i playoff? Quale formazione deciderà di schierare mister Italiano? Tutti interrogativi che ci si pone ma che sono superflui perché il Catanzaro deve pensare solo ed esclusivamente a fare il Catanzaro. Anche perché il Catania affronterà in casa un Rieti probabilmente con la testa alle vacanze avendo ottenuto una meritata salvezza, frutto soprattutto del lavoro del tecnico Capuano che ha saputo trasmettere il suo carattere alla squadra laziale.

INVERTIRE LA ROTTA

Il Catanzaro ha sin qui affrontato due volte i granata, entrambe le volte in Sicilia. Il 26 dicembre vinse il Trapani 2-1 con i gol di Taugordeau e Pagliarulo che ribaltarono il rigore di Kanoute. Kanoute che fallì il penalty dello 0-2 e precedentemente Evacuo quello del possibile 1-1. Una partita ricca di emozioni e decisa da una rete molto dubbia, sia per carica a Furlan, sia perché la sfera forse non aveva varcato totalmente la linea di porta. Nel dubbio il direttore di gara concesse il gol ai granata. Ed il Catanzaro numerose volte (nel dubbio) ha visto gli arbitri prendere decisioni a sfavore dei giallorossi. Il Trapani concesse il bis in Coppa Italia eliminando le aquile con una punizione di Costa Ferreira dopo un minuto di gioco. A livello di intensità – ad opinione di chi scrive – i granata sono stati la squadra che ha messo più sotto il Catanzaro e ciononostante se fosse entrato il rigore dello 0-2 l’US aveva quasi ipotecato anche quell’incontro.

PROBLEMI PER CASOLI E STATELLA

Da valutare le condizioni di Statella che a seguito di uno dei numerosi interventi subiti contro la Viterbese, si è ritrovato con un ginocchio gonfio. Problemi anche per Casoli, uscito al 52′ dopo aver poggiato male il piede sul terreno di gioco.

TENSIONI IN CASA TRAPANI

Nonostante i granata abbiano conquistato matematicamente il secondo posto, il momento non è roseo. Il ds Rubino è stato sollevato dall’incarico. Il direttore pagherebbe così i rapporti non idilliaci con la proprietà e secondo indiscrezioni sulla graticola ci sarebbe anche il tecnico Italiano. Se ciò non bastasse sembra sia scoppiata una lite tra i calciatori e il dg Caruso per il mancato pagamento degli stipendi di marzo.

PROROGATA LA PROMOZIONE AI TIFOSI GIALLOROSSI

Comincia alle 17 di questo pomeriggio la prevendita per la gara Catanzaro – Trapani, ultima partita della stagione regolare, in programma domenica prossima alle ore 18,30 allo stadio “Ceravolo”. Un match decisivo per il mantenimento del terzo posto in classifica, utile per “saltare” i primi due turni dei play off. Per l’occasione, la società ha deciso di prorogare l’iniziativa che consente agli abbonati di poter acquistare, per un ulteriore tifoso, un biglietto a 1,50 euro per qualsiasi settore. L’iniziativa resta valida anche per tutti coloro che esibiranno, in prevendita o al botteghino, il biglietto della partita Catanzaro – Viterbese disputata ieri. Il botteghino dello stadio resterà aperto sabato dalle ore 12 alle ore 19 e domenica dalle ore 12 a inizio gara.

UNITI FINO ALLA FINE

Probabilmente quello che occorre al Catanzaro da qui alla fine della stagione lo ha riassunto ieri lo striscione esposto dalla “Capraro”: “LA GUERRA E’ ANCORA TUTTA DA COMBATTERE…LOTTIAMO INSIEME”.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

1 Commento

  • Malgrado gli alti e bassi io ci credo ancora che riusciremo attraverso i play off a raggiungere una serie B che s inizio campionato erano solo un sogno . Certo dovremo battere le migliori ma il CATANZARO c è . E lo ha dimostrato in diverse occasioni . Io vivo a Torino negli regno dei bianconeri ma per me il CATANZARO è una questione di cuore . Lorenzo

Lascia un commento