Catanzaro News La Striscia

Ultimo sforzo contro il Monopoli per chiudere al secondo posto

Giallorossi contro i pugliesi e Avellino impegnato con la retrocessa Cavese: 90 minuti finali della regular season. Contessa torna a disposizione

Ultima settimana di regular season per il Catanzaro. Cominceranno domani gli allenamenti delle Aquile dopo 48 ore di meritato riposo. Finalmente negativo al Covid-19 anche l’esterno sinistro Contessa che sarà a disposizione del tecnico giallorosso nell’ultimo impegno. Un po’ di normalità nel lavoro dei giallorossi che tra positività al virus, e partite ravvicinate, è stata chiamata agli straordinari. Ma, come spesso accaduto nell’arco di questa stagione, nei momenti complicati, la squadra ha finito con il rispecchiare il carattere battagliero del proprio allenatore ed ha ottenuto risultati che vanno aldilà delle aspettative. Le Aquile hanno passato indenni il periodo molto complesso iniziato nella settimana di Pasqua quando il giovedì sono stati interrotti gli allenamenti per presunte positività al Coronavirus.

Da allora l’US ha giocato contro Bisceglie, Catania, Juve Stabia e Viterbese. 12 punti, 4 vittorie su 4, 6 gol fatti, nessuno subito e, soprattutto, secondo posto agguantato. L’US è stato in grado di battere in situazione di emergenza squadre come etnei e vespe che venivano da periodi di forma ottimi. I rossoazzurri dopo il cambio in panchina si erano presentati al “Ceravolo” reduci da quattro vittorie consecutive interrompendo, tra l’altro, la striscia positiva dell’Avellino; i campani arrivavano al match del “Menti” da sei successi consecutivi. Non c’è stato nulla da fare perché tra un Di Gennaro in stato di grazia, una difesa invalicabile e – va ammesso – anche un po’ di fortuna (vedi Marotta), i giallorossi non prendono gol dalla gara con la Turris quando erano in inferiorità numerica: 409 minuti. Il dato diventa ancor più impressionante se si pensa che il Catanzaro nelle ultime nove partite ha subito una sola rete e che nel girone di ritorno ha ottenuto 38 punti.

ALDILA’ DELLE ASPETTATIVE

E dire che dopo essere stata l’unica squadra ad aver sconfitto la Ternana, le Aquile erano state sconfitte al “Ceravolo” dall’Avellino (e dalla terna arbitrale). In quel momento la lotta al secondo posto sembrava impossibile e già raggiungere la terza posizione sarebbe stato un successo. Da allora l’US è divenuto una macchina inarrestabile con sette vittorie e due soli segni X, mentre gli irpini hanno perso punti ed il Bari, invece, appare sempre più sull’orlo di una crisi di nervi tra cambi di allenatore. Il Catanzaro, invece, è squadra, il Catanzaro è gruppo e aldilà dell’aspetto tecnico-tattico, qualitativo, è la compattezza ad essere emersa ed aver permesso all’US di essere padrone del proprio destino.

MISTER CALABRO: UN VALORE AGGIUNTO

“Ora concentrati perché questo secondo posto dobbiamo portarlo a casa”. Queste le parole del condottiero, di mister Antonio Calabro che si è rivelato un vero e proprio valore aggiunto sin qui, un dodicesimo uomo in campo per come vive la partita. Ancora non è stato raggiunto nessun obiettivo, il Catanzaro deve giocarla e vincerla l’ultima gara. Ed è questo il messaggio che ha voluto lanciare il tecnico dell’US. L’ultimo ostacolo è il Monopoli, domenica sera alle 20:30 al “Ceravolo”. I pugliesi, sulla carta, non hanno nulla da chiedere a questa stagione e quella in Calabria sarà la loro ultima gara del 2020-2021. Salvezza raggiunta e nessuna aspirazione di playoff. L’Avellino sarà invece impegnato in casa dell’ormai retrocessa Cavese. 90 minuti di fuoco per raggiungere un traguardo che andrebbe aldilà delle aspettative e permetterebbe ai giallorossi di partire con una posizione privilegiata ai playoff, contrariamente allo scorso campionato. Secondo posto significherebbe tre turni e quattro partite saltate, ossia un vantaggio non trascurabile.

Autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

5 Commenti

  • VITERBESE TRA LE PIU’ ODIOSE . DURANTE LA PARTITA SI SENTIVANO INSULTI , MINACCE E INTIMIDAZIONI ALL’ARBITRO CONTINUE , UNA BOTTIGLIA SI E’ VISTA CHIARAMENTE LANCIATA IN CAMPO DALLA LORO PANCHINA E IL GIUDICE RIFILA 500 DI MULTA A NOI CON OBBLIGO DI RIPAGARGLI I DANNI PER DEI SEGGIOLINI , MA DANNEGGIATI DA CHI ? MA IL QUARTO UOMO DORMIVA ? POI A NOI FANNO LA MULTA . MA ANDATE A FARE IN CULO . AUGURO LORO DI SCOMPARIRE DALLA FACCIA DELLA TERRA UNA VOLTA PER TUTTE .

  • Verissimo, la Viterbese per noi è sempre stata una squadra ostica ed alquanto complicata da affrontare., come se ci fosse chissà quale astio tra di noi. Eppure mi risulta di non averla mai affrontata ne in serie B tantomeno in A……… Condividiamo insieme solo l’allenatore che adesso è nostro e pare che abbia fatto un bel salto di qualità…… Comunque vada Forza Aquile Sempre

    BBBb

Scrivi un commento