Avversario di turno

Un posto al sole per il Siracusa

Francesco Panza
Scritto da Francesco Panza
La formazione siciliana, guidata dal giovane Paolo Bianco, vuole continuare a stupire con l’esperienza dei suoi uomini più rappresentativi. Ora si cerca il ritorno alla vittoria fra le mura amiche
 
siracusa calcio

Campionato esaltante quello disputato finora dal Siracusa del presidente Cutrufo. Partita senza particolari aspettative, la squadra aretusea si è ritagliata un posto nelle zone nobili della classifica, grazie ai 23 punti che attualmente valgono il quarto gradino della graduatoria in coabitazione con la rivelazione Rende. 

Ads336x280

Il ruolino di marcia dice che il Siracusa è una squadra formato trasferta. In casa appena 2 vittorie e 1 pari contro i 5 successi e 1 pareggio ottenuti lontano dal “Nicola De Simone”. L’ultima gioia casalinga risale ormai ad un mese fa contro il Francavilla, lo scorso 28 ottobre. 

La squadra è allenata da Paolo Bianco, tecnico 40enne, autentica scommessa ex giocatore di Foggia, Treviso, Catania, Cagliari, Atalanta e Sassuolo, società nella quale ha cominciato la carriera da allenatore come vice nella formazione Primavera. 

La rosa, con un’età media di 26 anni, è composta da giocatori esperti e qualche giovane di prospettiva.

In porta spicca il 33enne Matteo Tomei, che vanta una lunga esperienza fra serie C e D. In difesa c’è l’esperto Marco Turati, 35 anni, una carriera spesa in B con le maglie di Verona, Cesena, Grosseto e Modena, poi la squalifica per calcioscommesse, il ritorno al calcio giocato con il Lecco (D) e infine l’approdo in Sicilia con la maglia del Siracusa. 

Altro giocatore d’esperienza nel pacchetto arretrato è Tiziano Mucciante, 35 anni, veterano della serie C. 

A centrocampo il capitano, Fernando Horacio Spinelli, anche lui 35 anni e una carriera in serie C. Giocatore tignoso, di quantità, da tre anni indossa la maglia del Siracusa e ha guidato la formazione alla promozione in Lega Pro.  

Tanta esperienza anche in attacco con Nicola Mancino, Salvatore Sandomenico ed Emanuele Catania, tutti con una carriera importante rapportata alla categoria. 

Diversi anche gli ex della partita: Manuel Daffara, Fabio Mangiacasale e Vittorio Bernardo, autore del gol che valse la vittoria sul Cosenza nel derby casalingo del 15 febbraio 2015. 

Per la gara contro il Catanzaro, il tecnico Bianco potrebbe optare per il 3-5-2 già adottato nella gara di Coppa di martedì scorso contro il Trapani. 

Di sicuro dovrà fare a meno di molti giocatori, fra i quali gli infortunati Turati, Magnani, Martinez e Sandomenico indisponibile per motivi familiari.

In porta ci sarà Tomei

Difesa a tre con Mucciante al centro, Daffara e De Vito ai lati. 

Centrocampo a cinque con Grillo, Mancino, Spinelli, Palermo, Liotti. 

Coppia d’attacco composta da Catania e Scardina

Ads336x280

Nonostante le assenze e il ruolino di marcia interno non esaltante, il Siracusa è una squadra esperta che al pari del Catanzaro mette in campo tanta corsa e aggressività. Il turno di riposo osservato dalla formazione siciliana nell’ultima giornata di campionato rappresenta un altro elemento da tenere in considerazione. 

I giallorossi dovranno sfruttare l’onda lunga della vittoria nel derby contro il Cosenza e proporre il calcio visto nelle ultime uscite fatto di pressing e corsa, aggiustando magari il tiro negli ultimi 20 metri. 

Probabile Formazione 3-5-2:  Tomei, Daffara, Mucciante, De Vito; Grillo, Mancino, Spinelli, Palermo, Liotti; Catania, Scardina. All. Bianco

 

Francesco Panza

A proposito dell’autore

Francesco Panza

Francesco Panza

Lascia un commento