Catanzaro News Le pagelle

Catania-Catanzaro 1-1: le pagelle

Emanuele Panza
Scritto da Emanuele Panza

Di Massimo il più attivo in fase offensiva. Contessa ha sofferto Calapai

Finisce 1-1 a Catania tra gli etnei ed il Catanzaro. Entrambe le compagini chiudono il 2020 a quota 27 punti. Rammarico per i giallorossi che si sono fatti raggiungere ad una manciata di minuti dalla fine. Di seguito le pagelle di Corapi e compagni.

Branduani – Solita sicurezza, si fa trovare pronto in tutte le occasioni avversarie, non può niente sul gol del pareggio. VOTO 6,5

Pinna – Bene nel primo tempo in cui esce bene dalla linea ed è anche preciso nei lanci, meno bene nella ripresa in cui è più in difficoltà ed è molto impreciso. VOTO 6

Martinelli – Il migliore della retroguardia giallorossa, tornato dopo la brutta squalifica, compie giocate coraggiose palla al piede e più volte grazie alle sue cavalcate il Catanzaro si rende pericoloso. Buona anche la fase difensiva, in occasione del gol avrebbe potuto spendere il fallo ma gli sarebbe sicuramente costato il rosso diretto. VOTO 6,5

Fazio – Ingaggia molti scontri con gli avversari e nella maggior parte dei casi ne esce bene. Attento nelle chiusure. VOTO 6+

Contessa – Rispetto alle ultime uscite non mette in mostra la sua propensione offensiva, soffre terribilmente la presenza di Calapai che lo costringe ad arretrare la sua posizione. VOTO 5,5

Carlini – Fa da collante tra centrocampo e attacco e gli riesce molto bene nel primo tempo, mentre nella ripresa arretra il suo raggio d’azione come tutta la squadra e non riesce più ad incidere. VOTO 6

Corapi – Il miglior in campo dei giallorossi per distacco, conquista innumerevoli falli tattici, gestisce ogni singolo pallone con intelligenza e sforna un assist al bacio. VOTO 7

Verna – Solita partita di quantità, corre tanto ma non incide in fase offensiva. VOTO 6

Casoli – Partita anonima per l’esterno destro, probabilmente limitato a causa dell’assetto tattico. Solito impegno e corsa ma non è mai protagonista di giocate importanti. VOTO 6-

Di Piazza – L’impegno non manca, ma quando vesti la maglietta numero nove del Catanzaro, il tuo compito è quello di buttarla dentro. Purtroppo, l’attaccante siciliano non riesce ad incidere davanti la porta, pecca di imprecisione più di una volta e spreca una ghiotta occasione che avrebbe potuto chiudere la gara. VOTO 5,5

Di Massimo – E’ il più attivo in fase offensiva, dà sempre l’impressione di essere pericoloso. Trova un bel gol in cui sfrutta il grande lancio di Corapi e non è mai banale nelle scelte. VOTO 6,5

Evacuo – Subentra nelle fasi finali del match, ma è troppo tardi per rendersi pericoloso, ormai la squadra aveva arretrato il baricentro. Quindi, si limita ad aiutare i compagni sfruttando il suo fisico. VOTO 6
Riccardi – SV

Baldassin – SV

Risolo – SV

Evan’s – SV

Mister Calabro – Il tecnico ha impostato la gara intelligentemente, a tal punto da trovare il vantaggio e subire poco o nulla nella prima frazione. La ricerca ostinata della profondità attraverso i lanci lunghi aveva creato non pochi problemi alla retroguardia ballerina dei siciliani, e i giallorossi avrebbero anche potuto raddoppiare nella prima frazione. Nella ripresa, tutta un’altra storia. I catanesi hanno ben presto capito che se avessero continuato a concedere la profondità avrebbero probabilmente perso la partita, allora hanno abbassato la linea difensiva ed allo stesso tempo hanno alzato la linea del primo pressing, controllando interamente il campo grazie ad un Catanzaro troppo remissivo, senza alcun motivo di esserlo.

È proprio questo l’errore principale del tecnico giallorosso, il quale era in controllo della gara e abbassando l’intera squadra ha rinunciato a giocare, regalando così il gioco agli avversari, quasi in attesa che trovassero la palla giusta per pareggiare. I giallorossi avevano dimostrato di essere ben messi in campo, molto meglio del Catania ed è per tale motivo che l’atteggiamento estremamente difensivo e rinunciatario del secondo tempo è apparso inadeguato. La rosa fornita al tecnico, per quanto possa essere inferiore all’organico di Bari o Ternana, resta un organico di primissimo livello, in grado di giocarsela a testa alta contro tutte le squadre di questa Serie C.  L’atteggiamento rinunciatario, quasi impaurito, delle ultime due gare, lascia più di qualche dubbio. Nella speranza che gli errori commessi non vengano ripetuti in futuro, guadagnare un punto a Catania è pur sempre un buon risultato, ma resta l’amaro in bocca per ciò che poteva essere e non è stato. VOTO 5,5

Foto copertina: Livio Giannotta, tuttocalciocatania.com

Autore

Emanuele Panza

Emanuele Panza

6 Commenti

  • Calabro 2 il vero responsabile di tutti i regali di Natale, a seguire martinelli casoli garufo altobelli baldassin pinna DI PIAZZA, se rimangono tutti questi nominati sopra, sarà l’ennesimo fallimentare campionato.

  • Partiamo dagli attaccanti , non e’ concepibile che i due davanti non vadano a chiudere quando i difensori avanzano , Di massimo a fasi alterne giocando cosi non andrai da nessuna parte troppo discontinuo Di Piazza irriconoscibile. Tolti Corapi , Carlini ,Martinelli , Fazio ed Evacuo tutto il resto mediocrita’ , abbiamo regalato altri due punti per manifesta incapacita’ a gestire gli ultimi minuti. Peccato bisogna lavorare su questa intelaiatura con la speranza che a gennaio arrivino tre pedine importanti , due in difesa e uno a centrocampo.
    Peraltro ho la sensazione che la preparazione atletica non sia adeguata troppi secondi tempi in caduta verticale sia fisica che mentale.

  • Buon Natale a tutti i fratelli GIALLOROSSI, alla redazione di UsCatanzaro.net e a tutti quelli che lavorano, calciatori, allenatori, dirigenti, operatori, per fare il Catanzaro sempre più GRANDE!!! Forza Giallorossi … sempre.

Scrivi un commento