Catanzaro News Le pagelle

Catanzaro-Avellino 0-1: le pagelle

Emanuele Panza
Scritto da Emanuele Panza

Disastrosa prestazione di Casoli sulla trequarti; Fazio il migliore del pacchetto arretrato

Una gara poco brillante vede i giallorossi cadere con un gol in fuorigioco. Male Casoli da trequartista, sostituti poco propositivi.

DI GENNARO – L’Avellino si presenta raramente in area di rigore, e nell’unica occasione in cui lo fa non è pronto nell’uscita bassa che avrebbe interrotto tutti i pericoli. VOTO 5,5

SCOGNAMILLO – Solido nei contrasti, non si lascia sopraffare dagli attaccanti avversari e si rende pericoloso di testa. VOTO 6

FAZIO – Il migliore del trio difensivo. Estremamente attento nei contrasti, spesso anticipa gli avversari e si fa sempre trovare pronto quando si tratta di chiudere gli spazi. VOTO 6,5

GATTI – Qualche sbavatura di troppo nei colpi di testa, non perfetto in occasione del gol dei campani. VOTO 5,5

PORCINO – Involuto rispetto alle ultime uscite, inesistente in fase offensiva e sofferente in fase difensiva. VOTO 5+

CORAPI – Il capitano giallorosso non riesce ad esprimere le sue qualità, troppi gli errori in fase di impostazione. Probabilmente paga gli sforzi con la Ternana. VOTO 5

VERNA – Solita partita di quantità ma con qualche errore di troppo quando si tratta di dialogare con i compagni. Tenta qualche inserimento ma è poco ispirato. VOTO 5,5

GARUFO – Non ripete la super-prestazione vista con la Ternana, ma svolge lo stesso il suo compito da esterno destro in maniera sufficiente. VOTO 6

CARLINI – Limitato dai raddoppi costanti degli avversari, nonostante ciò è il più pericoloso e le rare occasioni da gol nascono sempre dai suoi piedi. VOTO 6+

CASOLI – Disastrosa la prestazione sulla trequarti in cui non riesce ad essere pericoloso né in profondità né in mezzo al campo. Nella seconda frazione torna sulla fascia ma senza successo. VOTO 5

CURIALE – Nel primo tempo viene abbandonato a sé stesso nella metà campo avversaria. Sfiora due volte il gol nella ripresa, su cui avrebbe potuto fare di più, per poi essere inspiegabilmente sostituito. VOTO 6-

JEFFERSON – Non è in forma, e si vede. Corre a vuoto per gran parte del match, i rari palloni toccati vengono puntualmente derubati dai difensori avversari. VOTO 5

EVACUO – Non basta l’esperienza del bomber di Pompei contro la solida difesa biancoverde. Troppo lento e impacciato, non riesce ad incidere. VOTO 5

RISOLO – Subentra al posto dello spento Corapi, ma anche la sua gara è anonima e non riesce ad illuminare il gioco. VOTO 5,5

GRILLO – SENZA VOTO

MOLINARO – SENZA VOTO

MISTER CALABRO – La grande preparazione tattica pensata per la Ternana è stata subito cancellata da due errori che hanno pesato sul risultato finale. Il cambio modulo che prevedeva Casoli sulla trequarti si è rivelato un fallimento, tant’è che l’Avellino ha ben presto conquistato il centrocampo senza mai soffrire. Nel secondo tempo il cambio di atteggiamento, ed in particolar modo del ritmo di gioco, aveva prodotto delle buone occasioni, ma le sostituzioni si sono rivelate sbagliate ed hanno letteralmente spento le speranze di una eventuale rimonta. Probabilmente gli sforzi messi in campo contro la Ternana hanno pesato, ma la sconfitta contro l’Avellino è l’ennesima prova che il Catanzaro di Calabro può vincere o perdere con chiunque, e che la continuità nei risultati è ancora lontana. In ogni caso, nonostante il gol avversario sia viziato da un netto fuorigioco, non si può non considerare l’involuzione dal punto di vista del gioco, dato su cui il tecnico dovrà continuare a lavorare. VOTO 5

Autore

Emanuele Panza

Emanuele Panza

14 Commenti

  • Analisi giusta secondo me, condivido totalmente su Casoli e (stranamente nessuno ne parla) sulla “papera” di Di Gennaro che guarda il pallone passare senza intervenire. Su Porcino e Gatti avrei dato la sufficienza, soprattutto sul difensore che dopotutto era all’esordio. Calabro “questa volta” ha sbagliato scelte sia iniziali (Casoli) che successive, (Evacuo-Jefferson) poi ha cercato di rimediare MALDESTRAMENTE con due giocatori rapidi come Grillo e Molinaro, troppo tardi. Molinaro avrebbe dovuto giocare dall’inizio in sostituzione di Di Massimo. Noi abbiamo in attacco tre “elefanti” e tre furetti, bisogna alternarli in modo che si compensano avendo caratteristiche di gioco diverse.

    • Compà ti vedo come il prossimo allenatore del Catanzaro
      Dai sbrigati a prenderti questo patentino a Coverciano e vieni a salvarci
      Meno male che ci sei tu a dirci quello che avrebbe dovuto fare Calabro
      Il giorno dopo sono tutti bravi
      Per la prossima partita, vai il giorno prima a Giovino e dai questi consigli utili a Calabro, però il giorno prima mi raccomando, perchè il lunedì siamo bravi tutti a parlare

      Potevi andare ieri a Crotone, e consigliare Cosmi su come marcare Muriel

      • Grazie Stef dei complimenti, grazie a Dio la libertà di parola e di opinione ancora esiste, non so fino a quando se dovesse per disgrazia andare al potere un tipo come te. Visto che dal nickname scelto sei di origine russe come Putin. Vero democratico. Ciao alla prossima.

    • Concordo, i nuovi sono stati presi solo per riempire la panchina visto che non sono utilizzati o utilizzabili. Peccato altra occasione buttata maldestramente al vento.

    • Comunque per tua conoscenza queste cose, più o meno, l’hanno anche detto alcuni giornalisti sportivi sul web che di calcio ne capiscono presumo più di me e di te. In ogni caso se mi pagano bene lo farei volentieri l’allenatore.

  • Fazio grande guerriero vero giocatore di categoria , Gatti seppur all’esordio ha dimostrato una buona personalita’ Verna , Porcino e Casoli i piu’ negativi infatti il centrocampo in questo momento e’ il reparto dove abbiamo le maggiori sofferenze se si escludono le giocate di Corapi.
    Calabro con tanta fatica e’ riuscito a trovare una quadratura correggendo le stonature iniziali con i nuovi arrivati ma non sempre riesci ad avere risposte concrete da chi va in campo. E’ lui che durante la settimana studia i giocatori che gli possono dare le garanzie giuste pero’ evidentemente qualcosa non va nel verso giusto e i nuovi evidentemente non sono ancora pronti .

  • Formazione sbagliata . Alla fine del primo tempo avevo invocato l’ingresso di Risolo che cmq almeno 45 minuti li deve giocare sempre ed Evacuo. Invece Calabro non solo ha reiterato l’errore di Casoli a sinistra che ha già ampiamente dimostrato che col sinistro non rende ha avuto la pazza idea di Jefferson apparso morto nelle uscite precedenti e freddo cadavere in questa. Corapi che era in gran forma fino a domenica è naufragato un po’ per via degli avversari un po’ per via della partita precedente e soprattutto perché giocavamo in 9 praticamente. L’arbitro ha fatto il resto non solo regalando una rete in fuorigioco, ma consentendo di giocare dal 20° in poi si e no altri 20 minuti. L’Avellino ha fatto la sua figura di squadra che pur di portare a casa il risultato è disposta a far stramazzare al suolo i suoi effettivi uno per uno. Dopo aver visto tre volte Grillo direi che nella primavera abbiamo di meglio, Schimmenti, semmai è ora di vedere cosa valgono Parlanti e Molinaro specie quando siamo in emergenza. La variante brasiliana va debellata subito

    • Hai ragione, ho visto gli highlights di due partite della Primavera, compresa l’ultima contro il Bari e sono rimasto piacevolmente impressionato dalla bravura di Schimenti e Cusumano. Corsa, dribbling, tiro tutto senza paura. Bravissimi nell’uno contro uno, superano l’uomo con grande disinvoltura. Chissà se a Casoli glieli fanno vedere ogni tanto !?!?

      • Schimmenti svaria da dx a sxin maniera naturale. Cristiano ha battuto una punizione magistrale, Pipicella è salito in cielo ed ha schiacciato alla Pelé. Bisognerebbe avere più coraggio e a risultato acquisito dare spazio

Scrivi un commento