Catanzaro News Numeri Giallorossi

I numeri di Juve Stabia-Catanzaro

Statistiche, precedenti e curiosità del ventottesimo incontro tra Vespe e Aquile

Il Catanzaro è atteso dalla difficile trasferta di Stabia dove ad aspettarlo ci sono le vespe che stanno vivendo un grande momento di forma. Ad ora, però, non è sicuro che domenica si giochi. L’US, infatti, ha 12 persone positive al Covid, tra staff tecnico e calciatori; la società giallorossa deciderà, entro e non oltre le ore 15 di domani, se usare il jolly a disposizione per chiedere lo spostamento della partita.

I NUMERI

Le due compagini sono separate da 6 punti in classifica. Quello del “Menti” sarà un vero e proprio scontro diretto in chiave playoff.

La Juve Stabia è quinta in compagnia del Catania con 52 punti frutto di 15 vittorie, 7 pareggi e 10 sconfitte con 41 gol fatti e 33 subiti. I gialloblu vengono da 5 successi consecutivi, 3 di fila fuori casa. Il 4-1 rifilato alla Turris, il 14 marzo, ha interrotto una serie di 4 match senza vittorie interne. La Juve Stabia ha compiuto un acquisto azzeccato per la categoria a gennaio, facendo arrivare Marotta già autore di 9 gol.

Al “Menti”, i campani hanno ottenuto 24 punti a fronte di 7 successi, 3 segni X e 6 sconfitte con 20 reti segnate e 17 prese.

Il Catanzaro è quarto con 58 punti. I giallorossi hanno vinto 16 partite, ne hanno pareggiate 10 e perse 6 con 37 gol all’attivo e 27 al passivo.

In trasferta l’US ha conquistato 22 punti. 5 successi, 7 segni X e 4 gare perse con 17 reti realizzate e una in meno incassata per gli uomini di mister Calabro. Lontano dal “Ceravolo”, il Catanzaro non perde dall’1-0 rimediato a Pagani il 3 febbraio. Successivamente sono giunti 3 vittorie e 2 pareggi.

Quella messa a segno da Curiale contro il Bisceglie è stata la rete numero 11 tra il 60′ ed il 75′, la 24 nelle riprese dell’US su 37 realizzate in questo torneo di Serie C Girone C.

I PRECEDENTI

Nei 27 incontri disputati sin qui la Juve Stabia è avanti 8 successi a 7 con 12 pareggi. Il Catanzaro è avanti nel computo delle reti 32-29. Al “Menti” i giallorossi hanno vinto 2 volte, pareggiato 6 e perso 5 con 12 gol fatti e 14 subiti.

All’andata è terminata 2-2 nell’ultima gara del 2020 disputata al “Ceravolo”. Un pari con rammarico per l’US con Branduani che aveva respinto un rigore di Romero e Corapi aveva portato avanti i suoi grazie ad una punizione deviata in chiusura di primo tempo. Pari di Orlando al 69′; Catanzaro di nuovo in vantaggio con Riccardi al 76′ e, alla fine, il regalo di Altobelli che permise a Golfo di segnare il pareggio all’86’.

L’ultima volta che le due squadre si sono incrociate al “Menti” fu in occasione di quella gara quella ormai soprannominata, la partita del rigore di Giannone. Juve Stabia prima e imbattuta; i giallorossi erano lanciati all’inseguimento. Penalty conquistato nel finale e calciato con un cucchiaio, Branduani restò fermo, bloccò e addio sogni di gloria per l’US di Auteri.

Nello campionato 2017-2018 finì 1-1 per effetto della sfortunata autorete di Zanini e del pareggio all’88’ di Letizia. Altro segno X il 26 marzo 2017. Paponi apre le marcature al 1’; pareggio di Sarao all’8’ e sorpasso di Prestia al 27’; nel recupero rigore di Kanoute. Il 31 gennaio 2016 finì ancora con pari. Aquile avanti con Patti al 43’; pari di Diop al 47’. Nicastro al 92’ decise il match del 10 gennaio 2015. Con Mister Auteri in panchina nello scontro al vertice del 21 febbraio 2010 vinto dalle vespe per 1-0 con gol di Ottobre. Il Catanzaro non vince dal 26 gennaio 1992 con rete di Minisi.

CURIOSITA’

In questo campionato sono capitati due eventi, che in un certo senso, rappresentano delle piccole vendette anche se quello 0-0 non si potrà cancellare. Nella gara d’andata la Juve Stabia ha fallito un rigore e proprio Branduani l’ha respinto. Contro la Turris, a Torre Del Greco, Giannone ha sbagliato un penalty contro l’US.

Quella con i gialloblu sarà la terza trasferta consecutiva in Campania per il Catanzaro.

Di seguito l’infografica della partita a cura di Alfredo Cristiano.

Autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

Scrivi un commento