Catanzaro News Interviste video

Noto: «Gianluca Grassadonia è il nuovo allenatore del Catanzaro» [VIDEO]

Floriano Noto Catanzaro

Per l’ex tecnico del Foggia contratto fino a giugno con opzione in caso di promozione in Serie B

Ribaltone in casa Catanzaro. Gaetano Auteri non è più l’allenatore del Catanzaro. Al suo posto Gianluca Grassadonia, annunciato dal presidente Noto in conferenza stampa. Di seguito le parole del numero uno giallorosso.

<<Abbiamo esonerato mister Auteri. Qualsiasi separazione fa male perché vuol dire che qualcosa non ha funzionato rispetto ai programmi. Crediamo che è arrivato il momento, con quattro sconfitte in dieci partite, di cambiare con il percorso che ci aspettavamo con un tecnico che conosceva i ragazzi. Abbiamo deciso di esonerarlo. Abbiamo dato l’incarico a Gianluca Grassadonia con il vice Cincione ed il match analyst Aquino. Rimane in organico Aprile, il preparatore dei portieri. Il direttore sportivo è ancora inibito e per questo non è qui con noi.

Puntiamo su un mister che ha esperienze in B e andiamo “in continuità” con Auteri visto il parco giocatori che abbiamo. È contentissimo per la rosa dei calciatori ed è motivato. Ha allenato già alcuni giocatori come Kanoute e Martinelli. Per Grassadonia contratto fino a giugno con opzione in caso di promozione in Serie B.

Sotto l’aspetto personale non si è rotto niente. I risultati non sono arrivati.

Logiudice ha difeso fino a stamattina la posizione di Auteri. È stata una scelta della società. Confermo che l’acquisto dei calciatori ha avuto il benestare del nostro ex mister.

Ci mancano 28 partite e ce la possiamo ancora fare. Il primo posto è ancora raggiungibile. Con questo trend diventava sempre più difficile. Abbiamo voluto dare una svolta immediata. Mi è dispiaciuto  il fatto che è stato aggredito il direttore sportivo. Credo che farà un esposto alla Questura.

I fischi ci stanno pure. Gli obiettivi permangono. Se non la raggiungiamo abbiamo sbagliato.

La rosa è di 30 calciatori. Ci sono vari ragazzi del 2000. Non penso che sia un problema il loro scarso impiego. Auteri è perfettamente in grado di gestire una rosa di 30 giocatori. Anche altre squadre hanno in organico un numero simile di calciatori.

C’erano un due-tre nomi in lista per sostituire Auteri. Grassadonia è propositivo. Utilizza anche lo stesso modulo dell’ex tecnico. Chiaramente le scelte si fanno insieme al direttore sportivo.

Auteri ha compiuto delle scelte e non mi va di entrare nel dato tecnico. I giocatori che sono arrivati sono stati scelti insieme al mister. Penso che Auteri stimasse tutti i calciatori in rosa.

Il Catanzaro che ho visto ieri non è quello che volevamo. Forse della partita di ieri si salvano solo un paio di calciatori. Quando tutta la squadra cede non è un fatto strategico. Occorre dare la svolta immediata e metterli di fronte alle loro responsabilità.

La società deve rimanere tutelata e forte. Legarsi in maniera morbosa ad allenatori, giocatori è sempre un male>>.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

30 Commenti

  • Sinceramente speravo meglio. Nel senso che sognavo un allenatore di categoria che infondesse nei giocatori più grinta, più intensità concretezza e semplicità di gioco. Per quel che vagamente ricordo vedendo giocare a suo tempo il Foggia Grassadonia è un allenatore simile (non uguale) ad Auteri che predilige il controllo del gioco costante, che come ben sappiamo purtroppo non è sempre sinonimo di gol e vittoria. Spero di sbagliarmi alla grande e vedere rifiorire i nostri giallorossi, a cominciare da Bari. Forza sempre Catanzaro.

  • SICCOME NON SI POSSONO MANDARE A CASA 30 VAGABONDI , LAVATIVI , MOLTI DEI QUALI HANNO REMATO CONTRO , ALLORA SI SOSTITUISCE IL TECNICO , CHE PURE HA COMMESS0 DEGLI ERRORI MA CHE NON E’ MINIMAMENTE RESPONSABILE SE QUEL CESSO DI NICASTRO SI MANGIA IL GOL SOLO DAVANTI AL PORTIERE . HO ADDOSSO UNA TRISTEZZA INFINITA E MI SPIACE IMMENSAMENTE PER QUESTO EPILOGO , CREDEVO NEL PROGETTO E VEDENDO GLI ALLENAMENTI , CONSTATAVO L’ ATTACCAMENTO AL LAVORO DI AUTERI CHE PAGA ANCHE LE NEFANDEZZE DI ARBITRI CONIGLI , CORROTTI E QUANT’ALTRO .OLTRE ALLA BEN NOTA SFORTUNA CHE MAI CI ABBANDONA . SPERO DI SBAGLIARMI MA NON CREDO CHE LE COSE CAMBIERANNO GRANCHE’ ,A PARTE CELIENTO , GLI ALTRI SONO QUASI TUTTI DEI MEDIOCRI SENZA UN MINIMO DI DIGNITA’ E PURTROPPO PER NOI VERI TIFOSI ATTACCATI ALLA SQUADRA DA UNA VITA , IN CAMPO CI VANNO LORO . LASCIO PERCHE’ LE LACRIME STANNO INONDANDO LA TASTIERA .

    • Caro storico mesi fa dissi e precisai che se i giocatori ti remano contro cmq sarà ovvia la colpa dell’allenatore e denuncia proprio questo fatto del farsi remare contro anche dagli arbitri dopo i suoi commenti deleteri ed inutili contro tutto e tutti tranne che verso se stesso.. z

    • Sei un grande storico . Purtroppo è palese sia un altro anno perso ! Mi auguro di prenderci qualche piccola soddisfazione st anno , nn lo so , il derby di ritorno ad esempio o nn so … Faremo i playoff sicuro xké nei primi 10 arriveremo ma nn ci sarà nessuna speranza per noi con un allenatore del genere e con una confusione generale evidentissima

    • Si mi piace molto, come mi piace Auteri, non dovevano essere in contrasto ma remare tutti dalla stessa parte.
      Così evidentemente non è stato, bene ha fatto il presidente a prendere una decisione, meno sicuro sulla bontà della scelta perché per me sono bravissimi entrambi.
      Presto verificheremo il reale valore della squadra e di Auteri

  • Sono convinto che a Bari andiamo a vincere, ma non sono daccordo con l’operato del Presidente.
    Rammento che durante la campagna acquisti, tanti calciatori di grosso calibro sono stati accostati al Catanzaro, ma per motivi economici non sono stati presi o meglio, abbiamo sempre preso il meglio de restatini………..questo è il mio pensiero. Anch’io mi associo a Corner53, sperando di vedere i GR in alto.

  • Adesso la società deve stare con il fiato addosso al mister ai giocatorini al ds, i quali dovranno capire, che al primo errore saranno messi da parte. Tolleranza zero, programmarsi per la campagna acqusti di gennaio, furlan dovrebbe aver insegnato qualcosa. Svendere, regalare questa miriade di giocatorini acquistando se è possibile quei tre quattro elementi se mai vorranno venire che ci permettano di fare il salto di qualità. Speriamo di non dover assistere ai continui cambiamenti di programmi di allenamenti a porte chiuse o aperte che auteri pretendeva con scarsissimi risultati, che servivano ad allontanare la squadra dai tifosi. Il nuovo allenatore deve instaurare un rapporto cordiale reciproco con la stampa con i tifosi nel rispetto dei ruoli, L’allenatore è un dipendente della società e non può vietare ad alcuno di rispondere o presentarsi a trasmissioni televisive, perchè spetta solo alla società autorizzare o vietare. Si deve riformare quel feeling che dallo scorso torneo si è andato man mano perdendo con l’ex allenatore. Forza giallorossi tutti uniti per un solo obbiettivo.

  • Auteri doveva andarsene e solo un idolo a Catanzaro ha regalati un play off alla Feralpi ha raccolto 16 punti in 10 partite tiene in panchina ragazzi che sanno giocare a calcio e propone un gioco molto dispendioso di energie !!! Una squadra che ino tira mai in porta e fa un gioco macchinoso e solo colpa dell allenatore!!! Mettetevelo bene in testa !!!ieri ho visto il potenza (che è na squadra pessima) ma che tira in porta e fa un gioco veloce!! Siamo in serie C non lo dimenticate!!! Con auteri non saremmo andati da nessuna parte ve lo garantisco cambiare e provare in altra mano non costa nulla o meglio a chi costa economicamente non importa !!! Il presidente ha fatto na scelta giusta anzi giustissima e avrà sempre la mia stima io dai distinti lk vedo e lko percepisco ogni volta quanto lui è un tifoso più di noi e quanto soffre!!! Perciò state muti e rispettiamolo solo per questo !!! Non vuole fallire nei confronti delle su città e della sua squadra e ha provato in altra strada !!!e chi ci mette cuore e impegno va sempre onorato e rispettato!!!

    • Adesso critichiamo anche il presidente Noto che ha preso una squadra che stava per fallire e in due anni è riuscito a portarla ai vertici. Bisognerebbe vergognarsi per tanta irriconoscente. Auteri è un grande allenatore ne sono convinto, mentre molti altri commentatori su questo forum hanno sostenuto il contrario. Ma era necessaria una svolta se è vero che su 10 incontri vi sono state 4 sconfitte, non sempre per colpa di
      Auteri ma molto spesso per colpa della sfortuna, di arbitri incapaci e di giocatori al di sotto dello standard abituale. Grassedonia non è l’ultimo della classe e l’anno scorso aveva salvato il Foggia. Va bene a meno che qualcuno dei tifosi volesse Guardiola o Conte ,Sarri è così via. Siamo in serie C, signori, e preghiamo che il Presidenre Noto possa continuare ad amare questa squadra perché dopo di lui a Catanzaro c’è soltanto il vuoto priva di imprenditori propensi al rischio, mentre è ricca la presenza di coloro che amano solo parlare e criticare.

  • Amici giallorossi conosco bene l’ambiente giallorosso vivo a Catanzaro ed ho giocato nel Catanzaro. Non condivido assolutamente l’esonero di Auteri che poteva ancora portarci in serie B . Il problema è stato lo spogliatoio troppo numeroso e scarsamente compatto. Il mister paga alcune scelte poco oculate durante queste gare come insistere su Nicastro e Casoli che non hanno reso come tutti si aspettavano. Speriamo in Grassadonia. In bocca al lupo ai due mister all’uscente ed all’entrante

    • Alberto se hai giocato a calcio come dici , sai bene che la personalità di una squadra la da l’allenatore E se non ti seguono piu vuol dire che hai fallito come capitano della nave .. detto ciò la squadra l’ha fatta lui ( Auteri dalla grande Spocchia mia ..) in più un allenatore intelligente e di esperienza andrebbe già fatto sfoltire una rosa che crea solo confusione .. insomma non solo errori in campo e cambi sbagliati win dai playoff del torneo passato ma anche altri errori di abc del cAlcio ..

  • Non capisco il senso di frasi come “meglio chiunque rispetto ad Auteri”. Il ruolo di “chiunque” è
    oggi perfettamente incarnato da Grassadonia che giunge a Catanzaro esibendo un curriculum che, con tutto il rispetto, è quantitativamente e qualitativamente nemmeno un terzo di quello di Auteri. Di questi “chiunque” la panchina del Catanzaro ne ha visti parecchi, traghettatori anonimi pro tempore di stagioni senza infamia e senza lode. Se intendiamo vivacchiare, sopravvivere nel grigiore della serie C, “chiunque” effettivamente va bene; per vincere il campionato serve talento, esperienza e personalità a partire dalla panchina. Spero vivamente che il nuovo mister saprà smentirmi. Il vero “segnale” da dare all’ambiente non doveva essere, a questo punto, mandare via Auteri ma sostituirlo con qualcuno che avesse almeno la parvenza di poter fare meglio. E la vera “scossa” consisterà in uno sfoltimento della rosa puntando sulla qualità e non sulla quantità. Tutto questo non sarà, come alcuni credono, indolore. Distruggere (come invocare l’azzeramento immediato di un progetto) è semplice, ricostruire, se si vuole fare bene, è un processo lungo, faticoso. e molto costoso. Lo dico a quanti hanno contestato duramente e legittimamente il mister e che ora vedo già mettere le mani avanti. Infine mi sembra ridicola l’opzione “in caso di promozione in serie B” per Grassadonia. Siamo seri, per favore.

  • Ragazzi, purtroppo la squadra remava contro e ci sono state secondo me alcune situazioni nello spogliatoio che hanno “incrinato” i rapporti. Un Maita ultimamente irriconoscibile, un Calì mai utilizzato, un Pinna relegato ultima scelta, un Giannone impiegato a sprazzi senza fiducia…un Signorini messo in secondo piano. Ragazzi, la squadra c’è…va solo fatta girare e va data la fiducia ai giocatori giusti. Unica pecca a mio parere (come l’anno scorso del resto), è che non abbiamo un vero goleador là davanti. Gli Evacuo, i Castaldo, gli Altinier, i Granoche….al Catanzaro manca solo questo purtroppo. La vera punta che fa paura all’avversario. Se ci accontentiamo di Bianchimano all’ultimo minuto dell’ultimo giorno del calciomercato, vuol dire che ci stiamo prendendo tutti in giro. L’unica speranza ormai è Calì. E continuo a dirlo, vivo in Lombardia e ho giocato al calcio a buoni livelli…se l’Atalanta (miglior settore giovanile d’Italia) investe su un giocatore come Calì preso dopo 58 gol in due anni di Eccellenza, vi assicuro che a Bergamo di calcio capiscono molto bene. Forza giallorossi! Mister in bocca al lupo.

Lascia un commento