Brevi Catanzaro News

Play off, l’Alessandria vola in serie B

Avatar
Scritto da Andrea Ruga

Padova battuto 5-4 dopo i calci di rigore. Decisivo l’errore di Gasparro

Ci sono voluti i calci di rigore per decretare la quarta squadra promossa in serie B, dopo  Como, Perugia e Ternana. A festeggiare è l’Alessandria che supera nella finale di ritorno dei play off il Padova e vede spalancarsi le porte della cadetteria dopo 46 anni di assenza.

Gara equilibrata al “Moccagatta”, con i biancoscudati che sfiorano il gol nel primo tempo con Kresic e Jelenic, mentre l’Alessandria si rende pericolosa con Corazza e Bruccini.

Nella ripresa l’azione più pericolosa è del Padova con Biasci ma è Pisseri a salvare il risultato.

Stanchezza e paura di perdere prendono il sopravvento nei tempi supplementari. Finisce 0-0 come all’andata e si va ai calci di rigore. Decisivo l’errore di Gasparro che condanna il Padova ad un altro anno di serie C.

Autore

Avatar

Andrea Ruga

5 Commenti

  • Che invidia 😜 comunque questa C fa schifo ed anche i play off con tutte queste squadre ed un solo posto.
    Disincentivi ogni investimento (a parte i mega ricchi) serve assolutamente una vera B2 con la prima classificata che va a giocarsi come ultima i play off per la serie A. Una B2 con playoff e playout, con 4 promosse e 5 retrocesse (così è garantito anche lo spettacolo) e le 40 squadre di C almeno avrebbero molte più possibilità di andare in B2.
    Non capisco perché non ci pensi nessuno

  • ciao Aquila, quello che hai scritto, io lo scrissi qualche anno fa quando si parlava di riforme, qual.cuno del sito come noi mi chiamò pazzo visionario…pensa te, ed invece sarebbe una ottima soluzione se non altro per incentivare tutti a qualcosa per cui valga la pena di partecipare……

    • I pazzi scatenati sono loro se pensano che un sistema del genere possa reggere a lungo.
      Un presidente anche se è disposto ad investire adesso non lo può fare, 4 promozioni per 60 squadre sono un’inezia, il fattore fortuna e arbitraggi è troppo consistente

  • Basterebbero due gironi di serie B est ed ovest e tre gironi di serie C nord centro e sud. Tutte le città più importanti avrebbero una squadra in una categoria importante e 54-60 piazze avrebbero grandi opportunità.
    Cmq occasione persa l’Alessandria era alla nostra portata ed aveva due perni che da qui ci sono passati . Uno svenduto non si sa per quali ragioni Prestia e l’altro che non si è atteso per valorizzare Celia. Speriamo che non si faccia la stessa cosa con Furina, Schimmenti e l’allega banda della Primavera

Scrivi un commento