Catanzaro News La Striscia

Ripresi gli allenamenti delle aquile

30 anni fa l’ultima di Palanca in giallorosso. Noto: “Ci giochiamo una grande chance per la B”. Si aspetta il Consiglio Federale dell’8 giugno

Il Catanzaro ha ripreso a lavorare in vista della probabile ultima parte di questa travagliata stagione.

I giallorossi, da lunedì, stanno effettuando sedute individuali con ingessi sul terreno di Giovino scaglionati e distanze di sicurezza rispettate, in linea con il Protocollo Sanitario approvato dalla FIGC.

Dopo tre mesi di allenamenti a casa, l’intento di mister Auteri è quello, chiaramente, di lavorare sulla parte atletica con sessioni rigorosamente a porte chiuse.

Test a tampone per tutta la rosa. Assente ancora il solo Atanasov, mentre Bayeye è tornato in città e sta partecipando, già da lunedì, alle sessioni.

L’ultima partita delle aquile risale all’1-1 contro il Bari del lontano 9 marzo. A segno Kanoute e l’US pareggiò dopo tre sconfitte consecutive. Si giocava a porte chiuse e si era solo all’inizio del Covid-19. Sono passati circa tre mesi che sembrano un’eternità. Certo è che se il Catanzaro vuole farsi trovare seriamente pronto, dovrà essere diverso da quello altalenante e poco continuo visto sino allo stop.

NOTO: “CI GIOCHEREMO UNA GRANDE CHANCE PER LA B”

Floriano NotoPositivo, in questo senso il presidente Noto che ha fatto visita a staff tecnico e giocatori alla ripresa. Il numero uno giallorosso, intervistato dal TGR Calabria, non ha fatto altro che ribadire quanto aveva già espresso prima dell’emergenza Coronavirus, ovvero che le aquile si vogliono giocare la propria chance di salire in Serie B attraverso i playoff con il mercato di gennaio effettuato proprio in vista degli spareggi promozione con acquisti importanti.

Proprio per quanto riguarda la ripresa attraverso eventuali Playoff si aspetta l’8 giugno, data della prossima riunione del Consiglio Federale.

30 ANNI FA L’ULTIMA DI PALANCA IN GIALLOROSSO

Il 3 giugno resterà per sempre una data indimenticabile per i tifosi del Catanzaro. Un giorno triste ma storico. Massimo Palanca giocò l’ultima partita della sua carriera proprio il 3 giugno. Era il 1990 ed al “Ceravolo” si disputava Catanzaro-Barletta. Il punteggio era invariato sullo 0-0 ed al 70’ Palanca lasciò il campo applaudito dagli spettatori presenti. Non quelli delle grandi occasioni a dire il vero con le aquile ormai retrocesse in C. A prendere il posto del numero 11 per antonomasia Criniti. Per la cronaca quella partita terminerà 0-0 con i pugliesi salvi.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

21 Commenti

  • Non esiste che in serie B ci possano andare solo le squadre raccomandate, quelle che spendono tanto quanto una squadra di serie B di alta classifica o in casi rari quelle che hanno una fortuna megagalattica
    Per salvare la C serve creare la B2.
    Proposta: 2 gironi di C con 2 promozioni dirette per girone ed una quinta squadra promossa ai playoff. Stesso numero di squadre totali retrocesse rispetto ad oggi.
    La chiamiamo B2 perché la prima classificata diventa l’ultima classificata dei playoff della serie B avendo quindi la possibilità di andare direttamente in A.
    Le 5 retrocessioni e le quattro promozioni con playoff e playout farebbero diventare questa categoria molto spettacolare e variabile, inoltre anche la C ne trarrebbe vantaggio.
    Oltre allo spettacolo questa formula porterebbe molti più soldi e gli imprenditori potrebbero programmare gli investimenti, penso che favorirebbe anche la regolarità dei campionati.
    Infine anche la B ne trarrebbe un vantaggio enorme perché le retrocesse non finirebbero nell’attuale inferno della C dove si bruciano molte risorse spesso a vuoto.
    Io insisto, lo sto scrivendo a tutti

  • Comunque neanche i playoff si faranno. Non serviranno vittime sacrificali. Hanno trovato una soluzione per il Bari. Per la 4 promozione basterà moltiplicare la media punti stabilita fino a quel momento per il numero di giornate che la squadra non potrà disputare. Il risultato determinerà il punteggio finale.
    Il prossimo torneo sarà formato da grosse squadre quali il Palermo, Catania, Ternana, Cosenza, Foggia, Avellino, Monopoli, Potenza e da piccole quali il Picerno, Sicula, Turris, Bitonto,Vibonese,Paganese,Cavese.
    Bisogna che la società metta veri soldi sul tavolo , in quanto i migliori elementi Maita,D’Ursi, Fischnaller,Furlan, Figliomeni e che hanno portato oltre 3milioni di euro nelle casse societarie non ci sono più servono almeno 5milioni di euro se si vuol puntare alla B .

  • Lascialo perdere è un poveraccio malato di mente squallido che mette zizzanie sul blog … mi sono iscritto proprio x difendere da questo mentecatto la dignità della nostra squadra della nostra società e della tifoseria tutta… io ho trascorso metà dei miei anni in curva capraro e leggere queste frasi di sto morto di fame mi fa incazzare… mi auguro di incontrarlo di persona

    • Siamo in due l ho fatto bannare piu volte… Il problema e che lunico moderatore che abbiamo solo non riesce a controllare anche la home… Quindi orami lo riconosco dalle virgole e solo questione di pazienza e tempo …. Volevobpropormi come moderatore se vuoi apro un post nel forum e se vuoi ti appunti pure tu…
      Grazie piepaolo. Io non ho mai scritto tanto in punto net come da quando esiste il reggino in tutu rosa…. Una vecchia storia…. Fhora gabbu… Forza Catanzaro sempre!

  • Non è mica vero che dalla vendita di Furlan, D’Ursi, Maita, Figliomeni, Fichnaller la società ha incassato 3 milioni di euro?
    Ancora credi che l’arrivo di questi nuovi calciatori sostituti dei presenti, quasi tutti 34 enni reduci da gravi infortuni e lunga inattività si è migliorato l’organico?
    Salvi i Celiento, De Risio e Kanoute che tutti a Catanzaro criticate, la società è obbligata ad acquistare altri 24 grossi calciatori di categoria e categoria superiore.
    Il prossimo campionato è già assegnato al Palermo, bisogna costruire una squadra e migliorarla nel biennio se si aspira alla B.
    Queste dichiarazioni di voler ottenere da adesso la serie B con i play off sono al pari di quelle di Capuano dell’Avellino.
    Se si svolgeranno i playoff, (molto improbabili perché sia nel girone A che nel girone B si contano sulla mano le squadre che vogliono giocare) , lo si fa esclusivamente per il Bari.
    Volente o dolente questa è la Verità.
    Fa male ascoltarla ma è la verità

  • REGGINO LA VERITA TI FA MALE LO SO
    CAPITOLO 5…
    MANCA POCO E ANCHE QUESTA STAGGIONE FINISCE….
    DOPO FRANCESCO NICOLA AQUILONE SANGIORGIO LA STAGGIONE OTTO SPERO CHE AVRA IMPARATO LA LEZIONE E SIBPRESENTI CON UN NOME PIU ADIENTE ALLE SUE ORRIGINI…. SCILLA STAREBBE BENE… ANCHE COL TUTU ROSA…
    FRANCE A VOI NA BIRRA…

  • questo minchione da 4 soldi conosce i nostri bilanci, dice che critichiamo Celiento e DeRisio ( cazzata stratosferica, sono molto amati ), ha già decretato la promozione del Palermo, pontifica su Capuano, è imbunnato sul Bari, che è l’unica squadra veramente forte del girone, ecc ecc ed ha la verità in tasca… ripeto scrivo per difendere la nostra dignità giallorossa da inflitrati riggitani che non hanno un cazzo da fare e che come il loro coraggioso Presidente ( non pervenuto al Ceravolo nella gara di ritorno) fa lo splendido dietro un PC… non bannatelo, ci penso io e spero qualche altro che la pensa come me a stanarlo… è un mentecatto, invidioso, coniglio che spero di poter incontrare dal vivo, poi si che finirà di fare lo splendido……

    • Massimo rispetto da parte mia per la dignità giallorossa.
      Per questo da Ultras e da mentalità Ultras che tu dichiari di avere cavalco e condivido il pensiero del Protettore Palanca,critico verso la società di non permettersi di infangare la dignità del popolo giallorosso. Una buona giornata

  • Leggi poco e male. Rileggi ho scritto testualmente, meritevoli di conferma sono Celiento, Di Risio e Kanoute anche se a Catanzaro molto criticato. In italiano il significato è Kanoute anche se molto criticato dal pubblico Catanzarese.
    Lo sai bene quanto è Kanoute il molto criticato da voi Gargisti.
    Kanoute al pari di Celiento e Di Risio sono gli unici elementi che potrebbero essere fondamentali nel futuro sportivo per una risalita in B.
    Rastelli e la maggior parte degli interessati dichiarano che al Bari potrebbe dare un po di fastidio solo Carpi, Reggio Audace e Padova.
    Adesso Pierpaolo valli a picchiare perché non prendono in considerazione il Catanzaro

  • A Pierpaolo leggi le considerazioni degli operatori di calcio.
    Fonte tutto Bari.
    Picchia anche loro.
    Non sarebbe bello chiamarti Hulk?
    O meglio ancora Rulph spaccatutto?
    Dacci illuminazione, ciao e ti auguro una buona giornata

  • premesso io non picchio nessuno, tantomeno te che mi faresti anche pena, sarebbe come sparare alla croce rossa, quindi tranquillo… Si capisce che sei ossessionato dal Bari vai a sbirciare sul loro sito senza tenere conto che sono dichiarazioni di parte e che riflettono opinioni personali, ma sei talmente scemo che li consideri verità assolute. ecco perché ribadisco che vuoi solo creare zizzanie nel blog e che dichiarazioni del nostro O’Rey sono solo x spronare la società a fare meglio.. forse su questo concordo, tutto è perfettibile… ma il mio caro amico Floriano è un grande e saprà dare il meglio x la squadra e la società… ti illumino dicendoti che non sono né Hulk o altri ma confermandoti che sei solo un povero stupido

  • Sono uno sportivo oltre che ultras della mia squadra.Riesco a scindere le 2 figure.
    Allora leggi tutto C.
    Cambia il prodotto ma il risultato è sempre quello.
    Da sportivo è chiaro che guardo la realtà che mi circonda. Tu non leggi giornali sportivi?
    Quindi che fai ,guardi a casa di altri ?
    Secondo te ,tu dipendente di un azienda che ingiustamente ti sei visto dimezzato lo stipendio riusciresti a dare il massimo o dentro di te covi rabbia verso il supruso subito?
    Ecco questo è quello che società del Catanzaro ha fatto,un supruso ai suoi dipendenti . Il tuo datore di lavoro,Stato o Imprenditore privato con te si è comportato allo stesso modo del Presidente Noto ?
    Sono sicurissimo di no.
    Svegliati anche tu e se conosci la mentalità Ultras ti ricordo che Noi Ultras tifiamo Solo per la maglia, dei Gallo, Foti, Santacroce,Noto ce ne FOTTIAMO. Loro passano la maglia resta.
    La Fede non è in vendita come i prodotti della Coop.

  • ecco la conferma che da infiltrato stai tentando, con scarso successo visto che non ti caga più nessuno, di diffamare il nostro presidente che è amato da tutta la tifoseria giallorossa. la riduzione degli ingaggi, legata al covid-19, è stata fatta da tutte le società. Poi, povero coglione, lo sai che la società è solidissima e che i parametri Covisoc sono stati certificati e gli emolumenti puntualmente pagati?
    Poi ogni società di calcio, essendo di capitali, deve x forza tenere d’occhio i bilanci e tu ancora liberi stupidaggini in proposito.
    Anche la tua ossessione Bari è società sana e solida e se non fosse stato x le tre/quattro vittorie della Riggitana al 97° minuto, la vittoria a tavolino col Rieti ed i quattro punti rubati a Noi adesso faresti meno lo sborone tu ed il tuo caro giullare di corte Gallo….
    Ora chiudo, ho un weekend interessante ti ho già dedicato troppo del mio tempo, spero che i numerosi lettori amici del forum, pur nel loro rispettoso silenzio, abbiano un’idea chiara che io so io e tu non sei un cazzo , alla marchese del grillo.

    • La Reggina, il Vicenza, la Reggiana, il Carpi, il Monza, il Bari, il Cesena, il Modena, l’Arezzo, la Ternana, il Teramo, l’Alessandria, caro Pierpaolo non hanno per nulla dimezzato gli stipendi ai suoi calciatori. I contratti si onorano, queste sono Società serie. Il resto chiacchiere.
      La realtà è, passati 3 anni e si continua a far la muffa. Ti auguro di non mummificarti.
      Ti auguro anche un buon week end..
      Finalmente ti ho portato a ragionare ed a tuo dire Palanca con le sue dichiarazioni cerca di spronare il presidente.
      Bene quello che io da Agosto cerco invano di farlo con voi.
      Il capoluogo della Calabria non può marcire in C. E È una vergogna per tutti noi Calabresi

      • REGGGGGITANO CONFUSO CAPITOLO 82…
        SINOPSI….
        COME UN GIAPPONESE ABBANDONATO SU UN ATOLLO DOPO LA FINE DELLA GUERRA, IL FAMOSO TRANSFORMISTA REGGGGGINO RIMANE INTRAPPOLATO E PRIGGIONIERO DEL TEMPIO GIALLOROSSO PUNTO NET…
        LA LUNGA DETENZIONE VOLONTARIA CON IL SUO NEMICO LO PORTA A FRATERNIZZARE E COLTO DALLA SINDROME DI STOCCOLMA , SI CONVINCE CHE LO FA PER IL BENE DEL CAPOLUOGO….
        DEL CAPOLUOGO!!!?
        I SUOI INVOLONTARI RAPITORI… RICORDANO CON TENEREZZA QUANDO CON IL SUO TUTU’
        ROSA ENTRAVA AL ROKS BAR PER SCROCCARE UNA BIRRA … QUANTI RICORDI IN QUESTO CAPITOLO UNO DEI PIU’ APPASSIONANTI DELLA SAGA….. REGGGGGINO CONTRO TUTTI….. NON PERDETEVI LA PROSSIMA PUNTATA

Lascia un commento