Catanzaro News Dalla Redazione

Trapani – Catanzaro 2-1

Tony Marchese
Scritto da Tony Marchese

Brutta sconfitta che va oltre i demeriti delle Aquile, ennesimo Arbitro incapace

Ci sta di perdere a Trapani. E’ una possibilita’ da mettere in conto quando si gioca contro una squadra cosi forte e quadrata in ogni reparto. Pero’ non ci sta di perdere come ha perso oggi il Catanzaro, dopo aver condotto la gara per gran parte del tempo, rintuzzando colpo su colpo i tentativi dei padroni di casa, ma mancando clamorosamente il gol del raddoppio in piu’ occasioni.

Nel primo tempo le due squadre si affrontano a viso aperto giocando prevalentemente a centrocampo. Il Catanzaro recrimina subito per un rigore non concesso ai danni di Fischnaller, nell’occasione l’arbitro assegna un calcio d’angolo inesistente. Poi Kanoute s’incunea in area e viene toccato da dietro. Calcio di rigore sacrosanto, e il cartellino ? Kanoute realizza al 10′ per il giusto vantaggio ospite.

Il Trapani reagisce a prova a raggiungere il pareggio, ma le Aquila coprono bene ed in ripartenza sfiorano il raddopio quando i ragazzi di Mister Auteri si trovano in cinque contro tre, ma sbagliano l’ultimo passaggio consentendo il recupero della difesa trapanese.

Il Signor Sozza di Seregno ritorna ancora protagonista quando inventa un rigore che ha visto solo lui, ovviamente a favore della squadra di casa. Forse Lame salta con un gomito alto ma non colpisce nessuno, fatto sta che Evacuo si presenta all’incasso dagli undici metri ma Furlan devia sul palo.

La ripresa vede ancora le Aquile protagoniste con Kanoute che viene agganciato in area e messo giu’ platealmente. E’ ancora rigore, ancora il Signor Sozza non estrae il cartellino ma concede il rigore. Kanoute dagli undici metri questa volta tira male e Dini puo’ bloccare la sfera. Il Catanzaro manca quindi ancora il raddoppio concedendo un vantaggio mentale ai padroni di casa che ora cercano con maggior insistenza il pareggio.

Pareggio che trovano al 66′ quando Taugourdeau batte una punizione dai 25 metri, Furlan coperto dalla barriera non vede partire la palla che si infila tra palo e portiere.

Ancora il Signor Sozza di Seregno protagonista quando prima assegna un calcio d’angolo inesistente ai padroni di casa e poi ancora quando addirittura assegna la rete del vantaggio ai padroni di casa quando sulla battuta dello stesso angolo la palla viene respinta da Furlan, si alza a campanile sulla linea di porta facnedo nascere una mischia nella quale sono evidenti una carica sullo stesso Furlan ed un fallo su Statella. La palla pur non avendo varcato la linea di porta viene dichiarata in gol, ignoto il marcatore anche se da sponda trapanese il gol viene assegnato a Pagliarulo (73′).

Il Catanzaro ha provato a pervenire al pareggio ma le continue perdite di tempo dei padroni di casa avallate dalla conduzione arbitrale, hanno reso vano ogni sforzo. Seppur mortificato da una condotta arbitrale allucinante al di la degli episodi citati, il Catanzaro esce a testa alta da questo scontro di alta classifica con una chiara indicazione su cosa non va e su cui bisognera’ intervenire in sede di mercato.

La Societa’ GialloRossa dovra’ anche farsi sentire presso la Lega non solo per le condotte arbitrali che penalizzano oltre il lecito umano errare, ma anche per le inique decisioni di certe altre Societa’ che falsano il Campionato antisportivamente mandando in campo squadre diverse a seconda dell’avversario che incontrano.

TM

 

Trapani-Catanzaro 2-1

Marcatori: 10′ rig. Kanoute, 65′ Taugourdeau, 73′ Pagliarulo

TRAPANI (4-3-3): Dini, Scrugli, Pagliarulo, Taugourdeau, Costa Ferreira, Aloi, Corapi, Toscano (59′ Scognamillo), Tulli (59′ Nzola), Evacuo, Dambros (85′ Garufo). A disp.: Kucich, Ferrara, Scognamillo, Da Silva, Mulè, Nzola, D’Angelo, Tolomello, Valenti All. Italiano

CATANZARO (3-4-3): Furlan, Celiento, Lame (34′ Nicoletti), Riggio, Statella, Maita, Iuliano, Favalli, D’Ursi (58′ Ciccone), Kanoute, Fischnaller (58′ Giannone) A disp.: Elezaj, Mittica, Nicoletti, Lame, Eklu, Nikolopoulos, Ciccone, Repossi All. Auteri

ARBITRO: Sozza di Seregno (Avalos-Catamo)

MARCATORI: 11′ rig. Kanouté, 65′ Taugourdeau, 73′ Pagliarulo

NOTE: Ammoniti: Maita, Nicoletti, Riggio, Statella (C), Pagliarulo, Taugourdeau (T) – Al 32′ Furlan (C) para un calcio di rigore battuto da Evacuo (T). Al 50′ Dini (T) para un calcio di rigore battuto da Kanouté

A proposito dell’autore

Tony Marchese

Tony Marchese

27 Commenti

  • Non sono d’accordo, qualche demerito l’abbiamo avuto oggi. Ma poi quest’anno bisogna prenderla con filosofia, tanto questo campionato non vale, è falsato, oggi il Matera ha schierato la Beretti con la Reggina ed ha perso 6 a 0, domenica scorsa ha fatto finta di giocare con la Juve Stabia perdendo 4 a 0, più falsato di così. Il nostro progetto è biennale quindi ……. non facciamo un dramma per una partita storta, che i nostri calciatori pensino a giocare magari con meno colpi di tacco.

    • Come dicono alcuni tifosi di notevole esperienza a catanzaro e sempre colpa degli arbitri..il commento del giornalista,più che scandaloso cambia mestiere…

          • A mio parere il commento del giornalista è perfetto. Tutto giusto. Il disegno politico è chiaro devono salire altre squadre. In questi stronzi che arbitra o è lampante la malafede e la corruzione. Lo scrivo da settembre. Con oggi ci hanno defraudato. 17 punti, senza contare tutti gli ammoniti.

  • Celiento è di categoria superiore…non resterà certo a cz il prossimo anno, così come altri (Kanoute etc.). Favalli e Signorini raccomandati di lusso

  • Sul piano del gioco il massimo cui si poteva aspirare oggi era un pareggio. Abbiamo ceduto progressivamente il centrocampo e prodotto pochissime occasioni al di là delle percussioni in area che hanno determinato i due nettissimi rigori. Detto questo, l’occasione di vincere pur non essendo stati irresistibili, ci era stata data e non abbiamo saputo approfittarne appieno. In una gara dagli equilibri così fragili vince chi sbaglia meno e capitalizza di più gli episodi ed è chiaro chi ha saputo farlo. Non mi piace, infine, parlare degli arbitri, ma oggi si è visto davvero un direttore di gara che sembrava interessato a bilanciare in maniera insensata ciò che aveva concesso giustamente al Catanzaro. Serve maggiore personalità e lucidità. In ogni caso niente drammi. I ragazzi ci hanno provato e vengono da una buonissima striscia di risultati positivi. Manca forse un po’ di esperienza, cioè l’abitudine a giocare, come dice Auteri, per risultati importanti. Stiamo vicini ai calciatori e sosteniamo il progetto perché c’è chi ci mette passione e competenza.

  • Stimatissimo Tony Marchese, sintetizziamo: avremmo potuto vincere e meritatamente, invece abbiamo perso e, tutto sommato, meritatamente per come il Trapani ha saputo ribaltare non solo il risultato, quanto sopratutto l’andamento della partita. Dopo il rigore non trasformato siamo andati in confusione e non si confà ad una nobile tifoseria scaricare sempre le responsabilità sull’arbitraggio. Certo, rimane il dubbio sul gol (forse non gol): e questo dubbio ce lo chiarirà (auspicabilmente) Eleven Sports; certo un arbitro più esperto avrebbe fischiato prima per carica al portiere; ma, al di là di questo episodio, l’arbitraggio non mi è sembrato di parte. Poi, come dire, io non c’ero: seguo il mio Catanzaro via internet; ma quelle sue considerazioni sui mancati cartellini rossi in occasione dei rigori a noi (giustamente) concessi, dovrebbe valere anche a nosto carico. Insomma abbiamo perso, per nostro demerito, una partita che avremmo potuto vincere meritatamante: cose di “calcio”.

  • Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, anche se perdere così fa male non dobbiamo assolutamente farne una tragedia.
    Non ho capito alcune mosse di Auteri ma sicuramente avrà avuto le sue buone ragioni e se kanoute avesse segnato staremmo a parlare di un Catanzaro invincibile.
    Ripeto dobbiamo stare vicini alla società e a questi giocatori che sudano la gloriosa maglia che indossano.

  • La volta scorsa scrissi che dobbiamo abituarci a questa mediocrita’ di arbitri, oggi pero’ qualcosa non ha girato come al solito. Il rigore mangiato e’ stato determinante. Non ho visto un Trapani dominante, tutt’altro.
    .

  • Mi associo, ripetitivamente, all’invito di Aquiladelnord. Pur nella sconfitta che si sarebbe potuta evitare, il Catanzaro c’è sia nei singoli sia come squadra: non abbiamo vinto per inesperienza e perchè ci ha detto male contro la migliore fra le formazioni sinora affrontate. Stiamo vicini ai calciatori, particolarmente in questo momento: per esempio a Kanoutè che rimane il beniamino del nostro pubblico per la qualità delle giocate e per l’impegno che ha sempre profuso. Anche oggi ha dato spettacolo: poi, come è capitato persino a Pelè, ha mancato il (secondo) calcio di rigore da lui stesso propiziato. Grande Kanoutè: averne altri calciatori come lui.

    • Purtroppo kanute’ non è giustificabile, doveva lasciare tirare il compagno Fisch.Questa è la verità, il suo errore ci è costato 3 punti. Sul 2 a 0 col cazzo che vincevano!!!!

      • Allora ce la possiamo prendere anche con auteri poteva richiamare kanoute e far tirare un’altro tu dici che abbiamo perso tre punti…daccordo io dico che con la possibile vittoria eravamo con qualche dito in serie B questa e la mia rabbia perché dal possibile 2a 0 si è andati sul 1-1 e poi e andata come andata lamentarsi dell’arbitro in questa partita secondo me è sbagliato.

  • … arbitro vergognoso in generale . noi dopo il goal spariti neanche un tiro.. trapani determinato noi come a caserta ( ci mancono le palle ) … anche auteri ci ha messo del suo …. limite caratteriale … peccato e tanta rabbia …..

  • Oggi purtroppo ci è andata male, non meritavamo di perdere, ma siamo stati sfortunati con il rigore sbagliato e il goal su punizione che non era assolutamente irresistibile da parare, ma l’arbitro come con la casertana si è inventato di tutto per far fare il risultato ad un’ottimo trapani. meno male che domenica visti gli infortuni e le sicure squalifiche, la lega ha deciso di far scendere in campo a sostituire i nostri infortunati e i vari squalificati, i migliori arbitri che la lega ha per poterci consentire di avere il numero di calciatori per fare la formazione. Alla juve stabia hanno regalato un rigore ed un’espulsione, morale della favola le squadre che non dovevano essere iscritte al campionato per problemi vari e che nel girone di ritorno emergeranno come funghi vegono ancora aiutate. Mettete sotto inchiesta gli arbitri e gli organi federali, che dovranno spiegare come mai il matera anche oggi ha regalato il risultato. Vergogna i presidenti di società serie che pagano fino all’ultimo centesimo dovrebbero ritirare le squadre e far scendere in campo gravina criscitello ghirelli e quell’attrice che di calcio credo non sia molto preparata. 3 punti persi, regalati o meglio ancora posti su un piatto d’argento da un arbitraggio che definirlo scandaloso è poco.

  • Una dura partita, poteva starci qualsiasi risultato…giusto il pari…nota a margine e che da fastidio oltre al torto arbitrale settimanale ormai è che è lo stesso arbitro contro la Casertana, quindi recidivo!!!

  • Ma certo…Capo Storico ha ragione. Devono salire altre squadre e derubano il migliore inseguitore, ossia il Magnico et Fidelissimo US CATANZARO. Fermo restando questo dato di fatto, scimmiottando i mafiosi professionisti, i furbacchioni killer col fischietto concedono comunque occasioni anche alla vittima. Il fumo negli occhi ai tifosi più genuini è servito. SCHIFOSO!

  • Aggiungo….Seguo le partite del Modena FC in serie D (grazie Caliendo….infame!).
    Evidentemente nel nostro girone (in quello del blasonato Cesena non so…) non esiste lo stesso complotto antisportivo che sta falsando il campionato di C del Catanzaro, dove Juve Stabia e siciliane DEVONO essere promosse. Ogni settimana gli avversari del Modena commettono falli da tergo che non vengono mai sanzionati e il metro di giudizio è assai variabile. In questo caso si teme che la capolista ammazzi il campionato troppo presto, facendo perdere interesse al pubblico e frottole varie. Evidentemente, questo principio non vale nel girone del Catanzaro e soprattutto in serie A (se in testa c’è la juventus). W IL CATANZARO!

Lascia un commento