Brevi Catanzaro News

Ufficiale: Serie C in sciopero. Domenica non si gioca

ghirelli
Redazione
Scritto da Redazione

Pugno fermo della Lega Pro sul tema defiscalizzazione. Salta la prima di ritorno in Serie C prevista per il 21 e 22 dicembre

Ci sono volute circa 72 ore per ottenere l’ufficialità ma alla fine lo sciopero della Serie C è realtà. Tutte le gare del 21 e 22 dicembre valevoli per il primo turno del girone di ritorno sono rinviate a data da destinarsi.

È questa la determinazione della Lega Pro, ufficializzata tramite comunicato nella serata di ieri e anticipata dalle parole del numero uno Ghirelli dopo la riunione con il Governo e i vertici della Lega Calcio. “L’incontro tra il ministro Gualtieri e il presidente Gravina – ha dichiarato Ghirelli – è stato istituzionalmente corretto. Ringrazio sentitamente il Ministro per l’attenzione riservata alla Lega Pro e la disponibilità al dialogo dimostrata. Così come ringrazio il presidente Gravina. L’incontro è stato positivo perché ha consentito di delineare cosa serva ai nostri club e sono emersi interessanti spunti di riflessione. Quello che ci interessa è che i club di Lega Pro arrivino alla sostenibilità economica-finanziaria. Abbiamo però la necessità di atti tangibili e concreti, di passare dalle analisi ai provvedimenti. Noi sappiamo di compiere un atto importante, domenica non si gioca. Di ciò ho informato il consiglio direttivo”.

Sul tavolo la spinosa vicenda defiscalizzazione sulla quale ha avuto modo di esprimersi domenica scorsa anche il presidente del Catanzaro, Floriano Noto, dichiarandosi  favorevole alla battaglia portata avanti dalla Lega Pro per la defiscalizzazione delle società di serie C, appoggiando integralmente la scelta di bloccare il campionato.

Il 2019 per i colori giallorossi si è dunque chiuso con la sconfitta casalinga in Coppa contro il Catania. Se non ci saranno ulteriori modifiche al calendario, si tornerà in campo il 12 gennaio contro il Bisceglie al “Ceravolo”.

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

8 Commenti

  • Almeno il Signor Noto ha tutto il tempo prima di Intervenire su qualche cessione o acquisto , di cercare un valido sostituto di questo Signor Allenatore . Se non si cambia manico Il pubblico andrà sempre scemando . Io Presente fino ieri. Se le cose continuano così , nessun commento anche per noi tifosi . Vogliamo un cambiamento . Grassedonia non merita una piazza come . Catanzaro

    • Noi di Verzino siamo in 7 a seguire il Catanzaro ogni Domenica in casa.
      Qualche volta anche fuori casa
      ci facciamo 150 km ad arrivare a Catanzaro e altrettanti 150 km a ritornare a casa con strade di merda, sacrifici enormi ed anche noi come te siamo ormai arrivati al capolinea della sopportazione.
      CI STIAMO FACENDO VECCHI A FURIA DI SENTIRCI DIRE SEMPRE LE STESSE PROMESSE ED ALLA FINE accontentarci di una mezza vittoria striminzita e sofferta contro squadrette di 3.000 abitanti vedi (PICERNO)
      E’come se il Catanzaro giocasse con il ns VERZINO ed alla fine uno deve pure esultare per partite di questo tipo.
      NOI VOGLIAMO GODERE.
      CHI VINCE GODE.
      CHI PERDE SPIEGA.
      BASTA NON NE POSSIAMO PIU’ DI SPIEGAZIONI.
      VOGLIAMO VINCERE.
      SE QUESTO PRESIDENTE E’ UN VINCENTE LO DIMOSTRI.
      ALTRIMENTI SE NE VADA IL PIU’ PRESTO POSSIBILE.
      IN SERIE C PRIMA SI INVESTE E POI CON I RISULTATI RAGGIUNTI SERIE B E POI SERIE A SI RACCOLGONO GLI UTILI.
      SE SI PENSA DI FARE UNA SERIE C AVENDO COSTI E BASTA COME SENTO DIRE BE’ ALLORA NON E’ QUESTO L’IMPRENDITORE CHE ASPETTAVAMO.
      NON CAPIAMO ANCORA COME MAI TANTI TIFOSI STIANO ANCORA ZITTI E RASSEGNATI.
      E’ IL MOMENTO – QUESTO IN PARTICOLARE – DI FARE DELLE INIZIATIVE facendo capire alla Dirigenza che questo NON E’ IL CATANZARO che VOGLIAMO e se c’e ‘ la volonta’ in questa societa’ di allestire una squadra competitiva azzerando mansioni ed incarichi a queste figure fallimentari che godono
      ancora di stima bene altrimenti si prenderenno le iniziative piu’ opportune.

  • Io nn riesco a capire come nn si comprenda che il nostro mister nn ci stia capendo letteralmente nulla . Prendete il Brescia , tolgono Corini prendono Grosso, dopo 3 partite forse 4 rispetto alla gestione precedente la situazione era letteralmente crollata, e cosa si è fatto? Si è tornato il santo indietro la cosa più semplice e banale di questo mondo . Io nn comprendo come chi caccia i soldi possa accettare uno schifo del genere , xké davvero vederti una partita del cz oggi o c sei innamorato perdutamente o è impossibile. Ho serie difficoltà a pensare riusciamo a piazzarci nei primi 10 e nn sono catastrofico ma solo reale xké con giocatori che pensavano d fare campionato di vertice e si ritrovano nel nulla più assoluto sarà complesso fargli avere motivazioni , subentra la paura , e chi dovrebbe togliergliela. ? Il mister ??? Ke magari gli dice negli spogliatoi ragazzi tranquilli se perdiamo è colpa delle strutture !!! Siamo caduti in basso senza manco capire il xké , mi spiace x me e x chi ama questi colori, a voi tutti vi auguro un buon Natale voi Ve lo meritate

  • C’e ‘ bisogno di scomodare Grosso?
    Vedere l’AVELLINO.
    ARRIVA MISTER CAPUANO e porta la squadra dalle ultime posizioni in zona PLAY OFF dietro di noi, capace di vincere a Terni, con la Ternana, pareggiare col BARI battere il Monopoli, la VITERBESE fuori casa e a sentire loro sono stati derubati dei punti con la REGGINA.
    Nelle ultime partite schiera addirittura 8 UNDER.
    Nelle ultime 5 gare ne ha vinto 4
    cos’altro aggiungere ?
    SI PRENDA IN CONSIDERAZIONE FRANCO CERAVOLO COME NUOVO DIRETTORE SPORTIVO DEL CATANZARO

  • Roberto, Verzino, Fang purtroppo dite cose giuste, magari non tutto, ma il 90% secondo me. Dico purtroppo perchè mi piacerebbero altri commenti sul Catanzaro, ma la realtà è questa!!!
    Il comune denominatore è che la squadra è inguardabile, gli errori tecnici e gli ORRORI tattici sono tanti. Martinelli che col Picerno è stato il migliore in campo, ieri ha regalato assist a iosa ai catanesi, che essendo una squadretta anche loro, non sono riusciti ad approfittarne.
    Passaggi sbagliati, dialoghi lenti e imprecisi, movimento senza palla quasi inesistente, punte addormentate quasi mai presenti in area al momento dei rarissimi cross degni di questo nome, troppi tocchi di palla che hanno ancor più rallentato la manovra, non sappiamo fare più un contropiede veloce, anche tre contro due aspettiamo che la difesa avversaria si piazza e …… poi passiamo il pallone dietro. Ridicoli!!! E menomale che ci tenevamo alla Coppa Italia altrimenti chissà quanto ne prendevamo. Grassadonia non ha per niente le idee chiare e non sa chi mettere in campo e COME METTERLI IN CAMPO. Una sofferenza per noi tifosi, un continuo stillicidio e mangiamentu e ficatu, che porterà inevitabilmente, SE NON CAMBIANO LE COSE, al progressivo disinteresse di molti tifosi. Grassadonia può dire ciò che vuole ma senza spettacolo e/o risultati la gente si stanca.

Lascia un commento